Sicurezza sul lavoro, cosa dice la legge


sicurezza sul lavoro legge




La sicurezza sul lavoro è un obbligo che il datore di lavoro ha nei confronti del lavoratore. Infatti l’ART.2087 del Codice Civile dice che “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”. Ma chi deve acquistare l’abbigliamento antinfortunistica il datore di lavoro o il dipendete?

La sicurezza sul lavoro è un obbligo da pretendere

A disciplinare la tematica della sicurezza sul lavoro, c’è stato il Decreto Legislativo n. 626 del 1994 “Norme di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sui luoghi di lavoro”.

In particolare, con questo decreto sono stati introdotti dei principi cardine come:

  • prevenzione mediante l’eliminazione dei rischi alla fonte;
  • ripartizione delle responsabilità e dei compiti in capo a più soggetti;
  • procedimentalizzazione degli obblighi;
  • consultazione e partecipazione dei lavoratori alle decisioni circa i problemi di sicurezza del lavoro e della loro informazione da parte del datore, circa i rischi connessi all’attività di lavoro e ai materiali usati.

Questi principi sono contenuti del Decreto Legislativo n.81 del 2008 poi diventato un Testo Unico che è stato revisionato con il Decreto Legislativo n. 106 del 2009 e poi successivamente.




I punti principali di questo Testo Unico riguardano:

  • l’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro a tutti i settori di attività e a tutte le tipologie di rischio, tenendo conto delle peculiarità di determinati rischi o settori lavorativi;
  • l’applicazione della normativa in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori e lavoratrici, sia subordinati che autonomi;
  • l’innovazione della modalità di valutazione del rischio, con particolare riguardo all’interazione dei rischi soprattutto in caso di appalto, o contratto d’opera o di somministrazione;
  • il riordino della normativa in materia di macchine, impianti o attrezzature di lavoro;
  • riformulazione delle sanzioni per le violazioni in materia.