Sicurezza sul lavoro formazione, importante sapere


sicurezza sul lavoro formazione




Per prevenire incidenti e infortuni sul lavoro, soprattutto negli ultimi anni si sta dando molta importanza alla formazione ma anche all’informazione e all’addestramento dei lavoratori. Va ricordato che la sicurezza sul lavoro è legge e deve essere rispettata sia da parte del datore di lavoro che dal lavoratore stesso.

La formazione è, infatti, il modo per trasferire ai lavoratori delle conoscenze e delle procedure utili per svolgere in sicurezza i propri compiti in azienda e per identificare, ridurre e gestire al meglio i rischi. Il datore di lavoro deve fare in modo che il lavoratore abbia la necessaria formazione in materia di salute e sicurezza, soprattutto per quanto riguarda il proprio lavoro e le proprie mansioni.

Socurezza sul lavoro, i doveri del lavoratore

Dal canto suo, il lavoratore deve imparare a garantirsi sicurezza fisica ed evitare quindi i pericoli che
possano compromettere la propria salute e quella dei propri colleghi.




Ecco perché i lavoratori devono seguire un apposito corso di formazione quando:

  • vengono assunti;
  • vengono eventualmente trasferiti o cambiano mansioni;
  • vengono introdotti in azienda nuove attrezzature di lavoro, nuove tecnologie o nuove sostanze pericolose.

Il lavoratore per la propria formazione non deve sostenere alcun costo né utilizzare altro tempo oltre l’orario di lavoro.

ART. 37 del Decreto Legislativo 81 del 2008

Secondo l’ART. 37 del Decreto Legislativo 81 del 2008, è essenziale che i lavoratori “imparino i concetti
di rischio, di danno, di protezione, di prevenzione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri
dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo e assistenza
” e comprendano quali siano le misure e
le procedure da mettere in atto per non compromettere la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Ci sono corsi di formazione generale (uguali per ciascuna azienda) ma anche corsi di formazione
specifica
, che varia in base al livello di rischio dell’attività svolta.

A proposito di questo, si distinguono tre livelli di rischio:

  • basso: proprio delle attività lavorative come la vendita al dettaglio, il turismo o della ristorazione;
  • medio: lavoratori coinvolti nel settore agricolo o della pubblica amministrazione;
  • alto: lavoratori che vengono a contatto con sostanze pericolose o agenti chimici (si tratta anche
    dei lavoratori impegnati nel settore edile).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.