Sicurezza sul lavoro, le sanzioni a chi non la rispetta


sicurezza sul alvoro sanzioni




Il datore di lavoro è responsabile di tutelare l’integrità psicofisica dei dipendenti mediante l’adozione di tutta una serie di misure per preservare la sicurezza sul luogo di lavoro. Il datore di lavoro ha, infatti, un obbligo di protezione e di sicurezza, dovendo adottare la massima sicurezza tecnologicamente possibile adattando l’organizzazione produttiva al progresso scientifico e tecnologico.

In capo al datore di lavoro negligente ci sono tre responsabilità giuridiche (penale, civile ed amministrativa) e le relative sanzioni.

Ma anche i lavoratori hanno degli obblighi e dei diritti, infatti il Testo Unico stabilisce che “ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro”.

Sicurezza sul lavoro, sanzioni a chi non la rispetta

Il lavoratore che non adempie a tali obblighi, sarà soggetto a delle sanzioni pecuniarie da 50 a 600 euro in base alla gravità dell’infrazione oppure potrà incorrere in segnalazioni o richiami ufficiali.




Le sanzioni per inadempienze a carico dei preposti e dirigenti sono invece più pesanti.

I preposti, infatti, possono essere sottoposti a pene detentive o sanzioni economiche fino a 1200 euro; invece, per i datori di lavoro e dirigenti possono esserci delle sanzioni di tipo detentivo (fino a massimo 8 mesi) sia pecuniarie (fino a massimo 6600 euro).

Queste sanzioni derivano da alcune inadempienze come:

  • non conformità dei luoghi di lavoro;
  • mancata o non conforme apposizione di adeguata segnaletica;
  • errata o incompleta valutazione dei diversi tipi di rischi;
  • mancata formazione ed informazione del personale.

Nel caso poi dalle infrazioni conseguano omicidio colposo o lesioni personali colpose, si attiva una procedura di Istruttoria Penale a carico dei soggetti inadempienti coinvolti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.