Lavoro estivo, come regolarizzare il lavoro stagionale


Lavoro estivo, come regolarizzare il lavoro stagionale




Regolarizzare il lavoro estivo è molto importante: esistono diversi metodi che permettono di rispettare la norma in su questo tipo di attività stagionale. Quando gli studenti cercano lavoro in estate oppure per coloro che lavorano in determinati periodi dell’anno, è importante cercare di capire quali sono le norme che disciplinano questo tipo di attività.

Per coloro che cercano un lavoretto estivo è opportuno informarsi bene per capire in che modo le riforme sono andate a modificare questo tipo di attività. Solitamente si parla di un contratto a chiamata o anche detto contratto intermittente, che è una sorta di lavoro occasionale che tutela il lavoratore e anche il datore di lavoro che ha bisogno di personale soltanto in determinati periodi dell’anno. Il pagamento del lavoro estivo avviene sempre su base di un contratto che può essere effettuato sia con il pagamento come prestazione singola, ma anche con un contratto a tempo determinato.

Come funziona la disciplina di un lavoro estivo

Solitamente il tipo di contratto da fare per un lavoro agli studenti oppure per un semplice lavoretto
estivo a tempo determinato va in base a quella che è la durata del progetto da mettere in campo. I
cosiddetti lavori stagionali, sono quelli che riguardano il periodo estivo e sono sempre da
regolamentare anche perché soltanto garantendo  il rispetto della normativa vigente e l’adeguato
pagamento della tassazione, si potrà effettivamente svolgere un’attività in piena tutela legale. Va
ricordato che avere dei lavoratori in nero non solo vede l’applicazione di sanzioni elevate ma potrebbe
anche portare alla chiusura del locale stesso.

Quando uno studente cerca un lavoro estivo  deve perciò fare attenzione che il datore di lavoro
garantisca un contratto in modo tale da avere la tutela dal punto di vista legale e svolgere in piena
autonomia questo tipo di attività. Oggi ad esempio c’è la possibilità di pagare attraverso PrestO che possiamo definire l’erede del voucher. Un questo modo si avranno le giuste tutele per entrambe le parti. Da fare attenzione per i lavori che prevedono attività legate alla manipolazione e somministrazione del cibo perché in quel caso occorrerà la documentazione HACCP.






Загрузка...