PrestO, un ottimo modo per regolarizzare il lavoro estivo e non solo


PrestO, un ottimo modo per regolarizzare il lavoro estivo e non solo




Regolarizzare il lavoro estivo? È possibile grazie a prestO. Una volta eliminati i voucher, ecco che arriva subito un altro modo per cercare di dare delle risposte ai numerosi lavori stagionali e non continuativi che vengono sempre più preferiti soprattutto dai giovani. Questo tipo di attività riguarda ad esempio i lavoretti estivi ha un limite di 5 mila euro l’anno sia per i lavoratori che per i datori di lavori.

In pratica, il pagamento avrà un valore lordo di 12 euro orari per 10 euro netti. Ovviamente non sono garantite delle eccezionali tutele se non quella del riposo festivo. È possibile utilizzare questo particolare erede del voucher anche nelle aziende agricole purché abbiano almeno 5 dipendenti con dei contratti stabili.

PrestO, l’erede del voucher

PrestO è considerato come l’erede del voucher soprattutto per i lavoretti estivi. Molto spesso gli studenti cercano lavoro nel periodo estivo in vari tipi di ambiti. Per regolarizzare questi contratti come prestazione occasionale arriva questo particolare strumento chiamato appunto prestO, che permette di regolarizzare la posizione.

Ovviamente ci sono dei limiti per l’utilizzo del PrestO per evitare che possa diventare uno strumento “negativo” utilizzato dai datori di lavoro verso i dipendenti. Sono stati introdotti dei limiti di retribuzione annua:




  • 5 mila euro l’anno per il datore di lavoro
  • 2500 euro l’anno come retribuzione massima per il lavoratore da ogni singolo committente
  • 5mila euro l’anno totali per il lavoratore

Le prestazioni occasionali per le persone fisiche possono essere utilizzate con il libretto famiglia e le micro imprese che hanno meno di 5 dipendenti. Tutti questi possono utilizzare prestO in modo abbastanza pratico. Proprio come il voucher in passato, il dispositivo prestO assicura la copertura assicurativa INAIL, quella previdenziale con il versamento dei contributi alla gestione separata ed è una prestazione esentasse. Viene rispettato però il riposo giornaliero, quello settimanale e anche le pause, mentre non si parla di maternità, di malattie e di ferie.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.