Cosa sono i minimi di paga?


minimi di paga




Negli ultimi giorni si sente molto parlare di salario minimo e di minimi di paga, vale a dire la retribuzione minima che per legge un lavoratore riceve per il lavoro prestato in un determinato arco di tempo, e che non può essere in alcun modo ridotta da accordi collettivi o da contratti privati.

In definitiva è una soglia limite di salario sotto la quale non si può scendere, e questo viene fatto proprio per tutelare la dignità del lavoro e la sopravvivenza.

Già nella Costituzione italiana è sancito il diritto alla proporzionalità

Già nella Costituzione italiana è sancito il diritto alla proporzionalità della retribuzione; infatti si dice che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia unesistenza libera e dignitosa”.

Tuttavia ancora oggi in Italia non c’è una legge che fissa un salario minimo o dei minimi di paga, anche se nei diversi Paesi dell’Unione Europea questo esiste.




Attualmente non c’è una legge sul salario minimo nazionale in Danimarca, Cipro, Austria, Finlandia, Svezia e Svizzera (qui però il salario è differenziato da cantone a cantone secondo residenza e impiego).

In Italia ci sono diverse proposte per poterlo introdurre, anche se tutte vengono bocciate.

Perché?

Probabilmente perché in Italia la contrattazione collettiva è molto forte e predominante.

Infatti, stando alla stima del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, attualmente sono in vigore circa 888 contratti collettivi nazionali e diverse imprese utilizzano contratti di lavoro individuali a cui non è applicabile nessun contratto collettivo.

Comunque, rifacendoci al modo che usano gli altri Paesi dell’Unione Europea per calcolare il salario minimo e i minimi di paga, vengono usati una serie di parametri come:

  • la produttività
  • il PIL
  • l’indice dei prezzi al consumo
  • l’andamento generale dell’economia

Periodicamente però, su questi parametri, avviene una rivalutazione in modo da poter mantenere stabile il potere di acquisto dei salari nel tempo.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.