Salario minimo, che cos’è   


Salario minimo




Il salario minimo indica la retribuzione minima che dovrebbe essere garantita ai lavoratori per una certa quantità di lavoro.

La definizione viene data dall’Organizzazione internazionale del lavoro

La definizione viene data dall’Organizzazione internazionale del lavoro che lo descrive come la retribuzione minima che per legge un lavoratore riceve per il lavoro prestato in un determinato arco di tempo, e che non può essere in alcun modo ridotta da accordi collettivi o da contratti privati.

Il salario minimo è dunque uno strumento istituito per contrastare la povertà garantendo una retribuzione proporzionata al lavoro svolto.

Tuttavia non deve essere confuso con il reddito di cittadinanza, dato che quest’ultimo è una forma di assistenza che prevede l’erogazione di una cifra indistintamente a lavoratori e a disoccupati, mentre il salario minimo si rivolge solo ai lavoratori per tutelarli se si trovano vicini alla soglia di povertà.




Sebbene negli ultimi tempi si stia tornando a parlare molto del salario minimo, in realtà questo è un argomento di cui si è dibattuto molto negli anni e che trova riferimenti importanti anche nelle diverse fonti legislative italiane.

Ritroviamo infatti rimandi al salario minimo (anche se in forma implicita), a partire dalla nostra Costituzione che, all’art. 36 dice “Ogni lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia una esistenza libera e dignitosa”.

In forma più esplicita

In forma più esplicita si è parlato di salario minimo nel Jobs Act all’art.1 comma 7 lettera g della l.n. 183/2014.

Qui infatti l’idea era quella di introdurre un salario minimo legale nei settori non regolamentati dai contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Idea poi bocciata e abbandonata.

Attualmente, infatti, in Italia non c’è ancora una legge sul salario minimo e questo probabilmente a causa della grande forza che ha la contrattazione collettiva.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.