CCNL, che cos’è   


CCNL




CCNL sta per Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e si identifica come l’accordo tra un datore di lavoro (o un gruppo di datori di lavoro) ed un’organizzazione o più di lavoratori, allo scopo di stabilire le regole che disciplinano il rapporto di lavoro, come il trattamento minimo garantito e le condizioni di lavoro alle quali dovranno conformarsi i singoli contratti individuali stipulati sul territorio nazionale.

All’interno del CCNL si possono distinguere 2 parti:

  • il contenuto normativo, che attiene al complesso di clausole che sono destinate ad avere efficacia nei singoli rapporti lavorativi (tabelle retributive, orari di lavoro, permessi, straordinario, ferie e così via)
  • il contenuto obbligatorio, cioè quello che vincola a determinati comportamenti le associazioni dei lavoratori e datori di lavoro tra loro (ad esempio le cosiddette clausole di tregua sindacale)

Generalmente il CCNL dura 3 anni per entrambi i contenuti: ciò significa che alla scadenza il CCNL non è più vincolante e cessa di produrre effetti.

Tuttavia rimangono valide le clausole riguardanti la retribuzione.

Dato che dunque il CCNL perde subito efficacia alla scadenza, la procedura di rinnovo deve essere intrapresa 3 mesi prima delle scadenza, presentando le “piattaforme rivendicative”, cioè le richieste avanzate dal sindacato nei confronti della controparte (il datore o i datori di lavoro).




Infine, all’interno della gerarchia delle fonti, il CCNL si pone a metà tra legge e il contatto individuale di lavoro (quel contratto stipulato dal dipendente con il proprio datore di lavoro).

Da ciò discende che i contratti collettivi possono derogare alla legge solo in senso migliorativo, quindi non ci possono essere deroghe peggiorative rispetto alla disciplina legale (ad esempio vige il divieto di demansionamento).

Per quanto riguarda i contratti individuali, questi possono derogare al CCNL di categoria, ma solo in meglio (ad esempio se il CCNL di categoria prevede che la giornata lavorativa dei lavoratori debba essere di 8 ore, il contratto individuale non potrà aumentare le ore a 9 ma potrà ad esempio ridurle a 7).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.