Salario minimo, esiste in Italia?  


Salario minimo




Fra i dibattiti più accesi dell’ultimo periodo in Italia c’è sicuramente la questione del salario minimo.

Che cos’é?

Secondo la definizione dell’Organizzazione internazionale del lavoro, il salario minimo è la retribuzione minima che per legge un lavoratore riceve per il lavoro prestato in un determinato arco di tempo, e che non può essere in alcun modo ridotta da accordi collettivi o da contratti privati.

Esiste in Italia il salario minimo?

Ebbene no, nell’Unione Europea, dei 27 Stati membri 21 hanno adottato il salario minimo ma l’Italia ancora no (insieme a Danimarca, Cipro, Austria, Finlandia, Svezia e Svizzera).




Infatti in Italia non è previsto un salario minimo dalle leggi nazionali ma solo dalla contrattazione tra le parti sociali (secondo le stime del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sono in vigore attualmente 888 contratti collettivi nazionali).

Diverse sono state le proposte negli anni per poterlo attuare ma tutte bocciate.

A partire dal Jobs Act (legge 10 dicembre 2014 n.183) che prevedeva l’introduzione di un “compenso orario minimo” nei settori non coperti dalla contrattazione collettiva.

Questa legge però non è mai stata attuata.

Attualmente è in corso di valutazione la proposta di legge sul salario minimo di Nunzia Catalfo (ex ministro del lavoro), che tenderebbe a valorizzare i contratti collettivi siglati dai soggetti comparativamente più rappresentativi sul piano nazionale.

Inoltre, a ulteriore garanzia del riconoscimento di una giusta retribuzione, introdurrebbe una soglia minima di 9 euro allora, in linea con i parametri di adeguatezza indicati dalla Commissione europea.

L’Italia, poi, deve anche conformarsi a quanto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), i cui principi fondamentali sono la parità e l’adeguatezza salariale.

Proprio per questo il Ministero del lavoro, fra gli 11 progetti da finanziare con i fondi del PNRR, ha inserito anche l’introduzione di un salario minimo orario.

Staremo allora a vedere se l’introduzione del salario minimo diventerà finalmente realtà anche in Italia.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.