Salario minimo, perché se ne parla tanto  


Salario minimo




Perché negli ultimi tempi si parla di salario minimo? Prima di tutto il salario minimo è uno strumento per contrastare la povertà perché garantisce una retribuzione minima proporzionata al lavoro svolto.

Infatti, secondo la definizione dell’Organizzazione internazionale del lavoro il salario minimo è la retribuzione minima che per legge un lavoratore riceve per il lavoro prestato in un determinato arco di tempo, e che non può essere in alcun modo ridotta da accordi collettivi o da contratti privati.

Se ne parla tanto perché in Italia ancora non c’è una legge nazionale che lo disciplina (mentre nella maggior parte dei Paesi dell’Unione Europea già è stato introdotto da anni) e perché tutte le proposte avanzate fino ad ora per introdurlo sono sempre state bocciate.

Lo scorso anno l’ex ministro del lavoro Nunzia Catalfo aveva proposto di valorizzare i contratti collettivi siglati dai soggetti comparativamente più rappresentativi sul piano nazionale e di stabilire la soglia minima di 9 euro all’ora, in linea con i parametri di adeguatezza indicati dalla Commissione europea.




Ma anche questa proposta venne bocciata.

Ora forse la situazione potrebbe cambiare perché anche l’Unione Europea richiede a gran voce una legge nazionale su salario minimo.

La Sottosegretaria al lavoro e alle politiche sociali Rossella Accoto, ha dichiarato: “Il salario minimo è una norma di equità sociale che innanzitutto ci viene richiesta dall’Europa. Non uno ma ben due Commissari europei hanno sottolineato la necessità di arrivare entro pochi mesi all’approvazione della direttiva europea sul salario minimo affinché tutti i Paesi membri si dotino di questo strumento di equità sociale.

Per il premier Mario Draghi non sembra una priorità ma sia il Movimento 5 stelle che il presidente dell’INPS che il segretario della CGIL sembrano favorevoli alla sua introduzione al più presto.

Tanti però sono i no come quelli del presidente della UIL, del presidente della CISL e di quello di Confindustria.

Staremo a vedere come evolverà la situazione e se il salario minimo verrà davvero introdotto presto anche in Italia.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.