Videomaking, come tutelarsi quando si pubblicano filmati


Videomaking




Chiunque lavori nell’ambito del videomaking deve essere a conoscenza della normativa in termini di pubblicazione dei filmati che realizza.

Vediamo allora come tutelarsi quando si pubblicano filmati.

Secondo la legge è possibile filmare altre persone in un luogo pubblico e se il filmato non viene diffuso. Infatti, per poter essere diffuso e riprodotto, occorrerebbe ottenere l’autorizzazione del soggetto o dei soggetti ripresi.

È possibile, per il videomaker, pubblicare filmati senza il consenso, laddove la riproduzione dell’immagine sia giustificata:

  • dalla notorietà o dall’ufficio pubblico coperto
  • da necessità di giustizia o di polizia
  • da scopi scientifici, didattici o culturali

O quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.




Tuttavia il filmato non può essere essere esposto o messo in commercio, qualora possa recare pregiudizio all’onore, alla reputazione o al decoro della persona ritrattata.

Infatti, l’art 167 del codice della privacy, nel caso di pubblicazione non autorizzata di immagini sul web, prevede la reclusione da 6 mesi a un anno e mezzo, se il filmato reca pregiudizio all’interessato.

La reclusione viene estesa da uno a tre anni, se il filmato riguarda dati sensibili.

Inoltre, se il video andasse a ledere la reputazione della persona ripresa o interferisca con la vita privata del soggetto, il videomaker che rende pubbliche le immagini potrebbe incorrere nel reato di diffusione di riprese e registrazioni fraudolente e rischiare la reclusione fino a 4 anni.

Inoltre è considerato un reato riprendere una persona e pubblicare il video, se questo reca disturbo o molestia alla persona in questione.

Anche le riprese durante eventi pubblici (come comizi, concerti, partite), possono essere pubblicate senza l’autorizzazione delle persone riprese, purché i volti delle persone presenti vengano resi irriconoscibili.

Infine costituisce reato anche riprendere una persona in un luogo privato senza il suo consenso.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.