Osteopata, come aprire uno studio   


Osteopata




Una delle professioni che sempre più ragazzi decidono di intraprendere è quella da osteopata, un professionista che aiuta i suoi pazienti non solo dal punto di vista fisica ma anche emotivo.

Cerca infatti di comprendere l’origine del malessere dei suoi pazienti e di ristabilire così l’armonia fra corpo e mente.

Dal punto di vista fisico

Dal punto di vista fisico si occupa di risolvere disturbi a carico del sistema muscolo scheletrico, di quello nervoso e di quello cardiocircolatorio.

Per farlo, durante la visita dei pazienti, raccoglie informazioni e indaga sulle cause del dolore, dando supporto emotivo.




Pochi giorni fa è stato dato l’ok per l’istituzione del corso di laurea in osteopatia ma fino ad ora era sufficiente frequentare un corso di formazione in osteopatia per diventarlo, ottenendo così un diploma di osteopata valido in Europa e nel Regno Unito.

L’osteopata svolge la sua attività come libero professionista e può farlo aprendo una Partita IVA con codice “Altre professioni paramediche”.

Per questo motivo può aprire uno studio privato: l’importante è che all’interno vengano rispettate le norme igienico sanitarie previste dalla legge per l’apertura di uno studio professionale.

Per aprire uno studio di osteopatia è necessario:

  • presentare al Comune la Denuncia d’Inizio Attività (D.I.A.), allegando l’attestato rilasciato dalla scuola di osteopatia, la planimetria e la destinazione d’uso dei locali
  • allegare una relazione tecnica, redatta da un geometra, architetto o ingegnere iscritti all’albo, che attesti l’agibilità dei locali, la sicurezza e la conformità dell’impiantistica elettrica e termoidraulica alle normative vigenti, nonché la messa in regola in materia di barriere architettoniche.

Non è invece obbligatorio avere alcun tipo di autorizzazione da parte della ASL competente per territorio: tuttavia questa può effettuare controlli relativi ai requisiti di agibilità, igiene e sicurezza dei locali.

  • aprire la Partita IVA (come già detto)
  • iscriversi alla Gestione Separata presso la sede INPS territorialmente competente.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.