Coltivatore diretto, che ditta deve aprire? 


Coltivatore




Il coltivatore rientra, secondo l’art.2135 del Codice Civile fra gli imprenditori agricoli: “è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura ed allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine.” 

Lavoro autonomo e coltivatore direttov

Il coltivatore diretto del fondo è dunque un lavoratore autonomo che è impegnato nella coltivazione diretta di un terreno agricolo.

Il fondo non deve però per forza essere di proprietà ma anche preso in affitto. L’attività agricola, comunque, può essere svolta sotto forma di ditta individuale o di azienda familiare.

Le società agricole possono essere società di persone, società di capitali e cooperative ma bisogna possedere determinati requisiti:




  • oggetto esclusivo l’esercizio dell’agricoltura e delle attività connesse (ovvero le attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali), la fornitura di beni o servizi utilizzando prevalentemente le attrezzature o risorse dell’azienda agricola e l’
  • Nella ragione o denominazione sociale deve essere obbligatoriamente espresso il termine “società agricola”.

L’ultimo requisito, invece, dipende dalla forma societaria scelta:

  • nelle società di persone, almeno uno dei soci deve avere la qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto;
  • nelle società in accomandita semplice, invece, almeno un socio accomandatario deve possedere la qualifica di imprenditore agricolo professionale;
  • nelle società di capitali, almeno un amministratore deve possedere la qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto;
  • nelle cooperative, almeno un amministratore (che sia anche socio) deve possedere la qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.