Ditta di pulizie, quali contratti adottare per i dipendenti


Ditta di pulizie




Una ditta di pulizie è una ditta che si occupa di attività di pulizia e di sanificazione. Per aprirne una, bisogna seguire un preciso iter burocratico che consiste:

  • nell’apertura della Partita IVA;
  • nell’iscrizione all’Albo degli Artigiani o al Registro delle Imprese;
  • nell’apertura delle posizione Inps e Inail;
  • nell’invio della Scia al Comune.

Inoltre, bisognerà considerare i costi da sostenere come quelli legati al personale cioè ai dipendenti che possono essere assunti. Il datore di lavoro, entro trenta giorni dalla data di assunzione, dovrà fornire al lavoratore un contratto contenente queste informazioni:

  • l’identità delle parti;
  • il luogo di lavoro (in mancanza di un luogo di lavoro fisso o predominante, dovrà indicare che il lavoratore è occupato in luoghi diversi);
  • la data di inizio del rapporto di lavoro e la durata;
  • la durata del periodo di prova;
  • l’inquadramento, il livello e la qualifica attribuiti al lavoratore oppure le caratteristiche o la descrizione sommaria del lavoro;
  • l’importo iniziale della retribuzione e i relativi elementi costitutivi con l’indicazione del periodo di pagamento;
  • la durata delle ferie retribuite;
  • l’orario di lavoro;
  • i termini di preavviso in caso di recesso.

Per il personale dipendente di imprese che esercitano servizi di pulizia, vige il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi cioè una tipologia contrattuale derivata dagli accordi fra le associazioni datoriali e le parti sindacali.

In tale contratto vengono elencati:




  • le attività alle quali si applica il contratto (servizi di pulimento, disinfezione, sanificazione, disinfestazione e derattizzazioni, servizi legati a settori come la ristorazione, le fiere, la gestione aziendale e così via);
  • le modalità di gestione dei rapporti con le associazioni sindacali e gli assetti contrattuali (come premi di risultato, incrementi di produttività, come gli straordinari, turni di lavoro, lavoro notturno);

i livelli contributivi, le tipologie di contratti che possono essere stipulati (contratto di apprendistato, contratto di lavoro a tempo determinato o di somministrazione o contratto a tempo parziale) e quanto concerne le gare d’appalto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.