Giornalista pubblicista, ci sono corsi da fare?


Giornalista pubblicista




Quando si parla del lavoro del giornalista, distinguiamo fra:

  • giornalisti professionisti;
  • giornalisti pubblicisti.

I primi, sono coloro che svolgono la professione di giornalisti in modo esclusivo e continuativo. I giornalisti pubblicisti, invece, sono coloro che, oltre a svolgere la professione di giornalisti, svolgono anche altri lavori.

Diventare giornalisti professionisti

Per diventare giornalisti professionisti, occorre seguire un periodo di pratica di 24 mesi presso una redazione giornalista e, in parallelo, svolgere un percorso di formazione o un biennio presso una scuola di giornalismo. Dopo questo periodo di pratica, inoltre, sarà possibile iscriversi all’Albo dei giornalisti, dopo aver sostenuto e superato l’esame di Stato che consiste in una prova scritta e in una orale.

I giornalisti pubblicisti, invece, possono iscriversi all’elenco dei pubblicisti, senza aver superato alcun esame.




I requisiti per diventarlo sono:

  • aver svolto attività giornalistica retribuita e continuativa per almeno 24 mesi presso una o più testate giornalistiche;
  • quelli previsti dalla legge (cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa).

Per l’iscrizione all’elenco dei pubblicisti, è necessario svolgere un percorso, anche a distanza, organizzato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti.

Tale corso, in genere, si divide in due fasi:

1- di apprendimento;

2- di verifica.

Nella fase di apprendimento, l’aspirante giornalista apprenderà tutto ciò che riguarda la figura professionale del giornalista e la deontologia professionale (etica, le carte deontologiche, il procedimento e le sanzioni disciplinari). Altri argomenti trattati sono quelli che attengono il diritto costituzionale e penale, la storia e le tecniche del giornalismo. La fase di verifica, invece, permette all’aspirante pubblicista di verificare la sua preparazione con una serie di test di autovalutazione con domande circa gli argomenti trattati nelle varie lezioni del percorso di apprendimento.

Dopo aver superato i diversi test, al candidato viene rilasciato un attestato di frequenza. Se il candidato possiede anche gli altri requisiti richiesti per l’iscrizione all’elenco dei pubblicisti, potrà richiederla nella propria regione di residenza.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.