Cassa integrazione e contributi cosa succede


Cassa integrazione e contributi cosa succede




Quali sono gli effetti della Cassa integrazione sulla contribuzione e quindi sulla pensione? Con la Cassa integrazione, al lavoratore che si vede ridotto o sospeso il proprio orario di lavoro, spetta un’integrazione del proprio reddito pari all’80% dello stipendio che avrebbe ottenuto. Attualmente, anche se si è in Cassa integrazione (e quindi c’è interruzione o riduzione dell’attività lavorativa) viene comunque garantita la copertura contributiva.

Cassa integrazione, i contributi figurativi

Infatti, entrano in gioco i contributi figurativi che non vengono versati né dal datore di lavoro né dal lavoratore ma accreditati dall’INPS sul conto assicurativo del lavoratore nei periodi in cui c’è stata sospensione o riduzione dell’attività lavorativa cioè quando non c’è stato alcun versamento dei contributi obbligatori da parte del datore di lavoro. Infatti, per i lavoratori che si trovano in CIGS, i contributi figurativi possono essere accreditati su domanda del lavoratore oppure d’ufficio (questo è il caso dei lavoratori che abbiano usufruito di Cassa integrazione straordinaria) e sono utili per il conseguimento del diritto alla pensione e per il suo calcolo.

Contributi figurativi, i requisiti

Tuttavia, per aver diritto a questi contributi figurativi, un requisito è quello di aver versato almeno un
contributo obbligatorio settimanale prima del periodo di disoccupazione ovvero di aver svolto per
almeno una settimana un’attività lavorativa soggetta all’assicurazione previdenziale obbligatoria. Per
quanto riguarda il calcolo dei contributi figurativi per i lavoratori che si trovano in Cassa integrazione,
questi si calcolano prendendo come riferimento la retribuzione utilizzata per il calcolo dell’integrazione
salariale che in generale è dell’80% della retribuzione persa.




Le aliquote di calcolo della contribuzione

Su tale importo vengono poi applicate le aliquote di calcolo della contribuzione e quindi si ottiene
l’importo dei contributi figurativi che verrà accreditato dall’INPS. Il sistema dei contributi figurativi non
spetta, tuttavia, ai lavoratori che siano collaboratori occasionali o con contratto a progetto e alle Partite
IVA perché per loro non c’è diritto agli ammortizzatori sociali.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.