Aprire un’azienda agricola, cosa fare e da dove iniziare


Aprire un’azienda agricola, cosa fare e da dove iniziare




Aprire un’azienda agricola oggi non è un’idea da buttare, considerando che il lavoro nei campi e il settore primario stanno tornando in auge. Questo grazie alle esigenze “salutari” dei clienti che si spingono sempre più verso iniziative e culture biologiche che contrastano inquinamenti e agricolture industriali. Possiamo dire che il lavoro del futuro è nell’agricoltura.

Tuttavia, l’attività di un’azienda agricola è un’attività imprenditoriale a tutti gli effetti e, di conseguenza, si necessita di capire come potersi gestire in questo senso. Anche se si può pensare che il settore primario risulti prevalentemente semplice in quanto a gestione, il lato imprenditoriale richiede competenze e capacità specifiche.

Cosa valutare per aprire un’azienda agricola

È bene sapere che fin quando si ha un terreno, è possibile avviare un’attività agricola. Tuttavia, ci sono
notevoli aspetti da considerare come ad esempio se aprire la ditta individualmente o come una società.
Mettersi in proprio può esser vantaggioso ma anche instaurare collaborazioni può agevolare la
produzione.

Altri aspetti da considerare riguardano la ricerca del terreno adeguato (se non lo si possiede ancora),
indagare sul mercato agricolo individuando i competitors e naturalmente consultare e rispettare le
norme previste dall’ordinamento nazionale.




Proprio la burocrazia è un aspetto da analizzare e comprendere adeguatamente. Questo perché si
necessita di aprire una partita IVA e registrate la propria attività presso la Camera di Commercio.
Naturalmente, un commercialista può aiutare in questo intento.

Da notare che l’imprenditore agricolo deve essere riconosciuto come Imprenditore Agricolo
Professionale
(IAP). Per farlo è opportuno presentare l’istanza presso l’ufficio provinciale più vicino che
si occupa delle competenze riguardanti le pratiche agricole. Inoltre, è necessario un diploma o laurea
agraria (o eventuali frequenze a corsi regionali sul settore primario) per diventare un IAP.

Detto questo, aprire un’azienda agricola non si limita al solo lavoro nei campi, bensì richiede una certa conoscenza tecnca. Considerando che oggi sorgono vendite agricole anche tramite e-commerce, la competizione è presente sia online che nella vendita face-to-face e, inoltre, l’informazione si fa sempre più ampia.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.