Naspi 2019, come si calcola l’importo


naspi 2019 importo




Dal primo gennaio 2019 è entrata in scena la rivalutazione delle pensioni, quindi gli assegni previdenziali e assistenziali subiscono un aumento per effetto della perequazione.

Buone notizie, dunque, anche per chiunque abbia diritto alla NASPI: infatti, l’importo mensile per il disoccupato sarà più alto rispetto a prima.Cambia anche la soglia utile per calcolare la NASPI, nonché l’importo massimo dell’indennità.

La NASPI 2019 è un’indennità di disoccupazione che spetta a chiunque abbia tali requisiti:

  • si tratti di un lavoratore che abbia perso il lavoro per cause non imputabili a lui;
  • abbia maturato 13 settimane contributive nei 4 anni precedenti al periodo di disoccupazione;
  • abbia svolto 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti al periodo della disoccupazione.

Per calcolare l’importo mensile della NASPI bisogna prendere in considerazione il reddito del lavoratore negli ultimi 4 anni di lavoro.

La NASPI viene erogata per un massimo di 24 mesi: infatti, viene corrisposta per la metà delle settimane contributive maturate negli ultimi 4 anni. Nel 2018, se lo stipendio medio mensile era uguale o inferiore alla soglia di 1208,15€, allora la NASPI corrispondeva al 75% dell’imponibile medio, con una riduzione del 3%, a partire dal quarto mese, per ogni mese in cui si percepiva l’assegno.




Se lo stipendio medio, invece, era superiore rispetto a tale soglia, allora a questo 75% bisognava aggiungere un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e tale importo. Nel 2018 l’importo massimo della NASPI era di 1314,30€, invece, alla luce della perequazione questo importo cambierà e, stando alle prime indiscrezione, l’incremento sarà dell’1,1%.

Ovviamente, ci saranno delle modifiche anche nelle soglie per il calcolo:

  • equivale al 75% dello stipendio medio degli ultimi 4 anni, per i lavoratori che hanno stipendi che non superano i 1221,44 € mensili;
  • se lo stipendio medio mensile è superiore ai 1221,44 €, allora al 75% verrà aggiunto un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e tale importo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.