Disoccupazione, il calcolo da fare per sapere quanto spetta


Disoccupazione, il calcolo da fare per sapere quanto spetta




Il sussidio per la disoccupazione, detto Naspi, è uno strumento previdenziale a cui si ha diritto alla fine del rapporto di lavoro subordinato o un apprendistato che garantisce una somma mensile teoricamente fino al momento in cui non si trova una nuova occupazione.

Per poter accedere a questo sussidio si deve però avere un numero di minimo 13 settimane contributive versate nei 4 anni precedenti e aver lavorato nel periodo precedente almeno 30 giorni negli ultimi  12 mesi prima di richiedere la disoccupazione.

Il calcolo disoccupazione

Per capire quanto spetta di Naspi, è necessario trovare nella propria busta paga la retribuzione imponibile. Questo dato va poi diviso per il numero di settimane di contribuzione e la cifra da qui ottenuta va poi moltiplicata per 4,33 , un coefficiente di calcolo.

Da qui il risultato farà capire quanto spetta mensilmente: se la cifra è inferiore o pari a 1.208,15 euro, allora la disoccupazione percepita corrisponderà al 75 per centro dell’importo; se questa è invece superiore a 1.208,15 euro, allora la disoccupazione corrisponderà al 75 per cento della retribuzione mensile, incrementato del 25 per cento della differenza tra la retribuzione mensile e l’importo di 1.208,15 euro.




Sottolineiamo poi che la cifra assicurata potrà però arrivare a un massimo di 1.314,30 e diminuirà a
mano a mano che il tempo di disoccupazione si prolunga.

Come fare richiesta

L’ente che gestisce questo istituto è l’INPS, alla quale si può fare richiesta o autonomamente tramite il
sito, o attraverso enti come CAF e sindacati.

La richiesta deve essere inviata entro 68gg dall’interruzione del rapporto e per via telematica, e in ogni
caso non si può utilizzare il sussidio per più di 24 mesi continuati. Ogni mese che poi passa senza che il
soggetto trovi un nuovo impiego fa calare del 3% la quota di sussidio.

Questo è infatti uno degli aspetti da sottolineare: se si è disoccupati da molto tempo o magari non si ha
avuto un lavoro abbastanza stabile da far avere i contributi necessari, non si ha diritto al sussidio.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.