Amministratore di condominio: uno tra i lavori più richiesti


Amministratore di condominio: uno tra i lavori più richiesti




Oggigiorno, la professione dell’amministratore di condominio è un lavoro sempre più richiesto. Questo perché i complessi residenziali sono sempre più folti e gestire autonomamente il lato burocratico ed organizzativo diventa sempre più complicato.

Se la persona che verrà eletta presenta tutti i requisiti necessari per essere un amministratore di condominio (specificamente, non deve risultare in liste di protestati e deve aver frequentato corsi di formazione specifici), prenderà un incarico amministrativo che richiede determinate responsabilità interne al condominio.

Eleggere un amministratore di condominio diventa quindi un obbligo se le dimensioni dell’immobile sono grandi a sufficienza per richiederne uno. Vediamo nello specifico quali sono gli obblighi e i compiti di un amministratore di condominio, considerando le nuove normative entrate in vigore dallo scorso giugno 2013.

Cosa fa un amministratore di condominio

Cosa fa l’amministratore di condominio? Nello specifico, un amministratore di condominio gestisce tutto ciò che riguarda la burocrazia condominiale (documentazioni, autorizzazioni, pagamenti, etc.), cura i rapporti interni al condominio e convoca le assemblee condominiali.




Per essere eletto, un amministratore di condominio necessita di ricevere una maggioranza da parte dei residenti del condomino che devono corrispondere almeno alla metà del valore condominiale (economicamente parlando).

È opportuno sapere che, dal 18 giugno 2013, l’amministratore condominiale è un professionista a tutti gli effetti ed avrà una partita Iva aperta. Detto questo, potrà provvedere a richiedere pagamenti per le prestazioni offerte al complesso condominiale. Da notare che l’amministratore di condominio risulta obbligatorio solo se il complesso condominiale ha più di nove condomini.

Inoltre, i residenti del condominio possono a sua volta provvedere a revocare l’amministratore
condominiale in carica
. Per farlo, c’è bisogno a sua volta di una maggioranza e di una motivazione
specifica (es. mancata convocazione dell’assemblea, mancata corrispondenza di documentazione
relativa ai pagamenti, etc.).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.