Lavoro in proprio, ecco le 5 migliori professioni da avviare


Lavoro in proprio, ecco le 5 migliori professioni da avviare




In questo periodo storico l’Italia sta vivendo un momento di grave crisi occupazionale. Sono tanti i giovani alla ricerca di un lavoro, che si affacciano alle nuove professioni. Il lavoro in proprio da casa è una delle nuove opportunità di occupazione  che sta coinvolgendo un numero di persone sempre crescente l’importante è avere le idee chiare su cosa si deve fare per lavorare in proprio.

Lavoro in proprio: ecco quello che sta andando di più

Come detto il lavoro da casa è una delle principali opportunità di occupazione da cogliere, in particolar modo grazie all’avvento di internet. Ecco alcune idee di lavoro in proprio:

  • E-commerce manager: colui il quale vende tramite il web si occupa, per conto di un azienda o di privati, di vendere prodotti online
  • Community manager: cura il posizionamento di un marchio sul web
  • Web marketing manager: colui il quale si occupa delle strategia marketing di un’azienda.
  • Affiliate marketing: colui che si occupa di creare affiliazioni tra le aziende inserzioniste e i siti web
  • Il programmatore: colui il quale è in grado di creare o modificare software per computer e dispositivi mobili

Il lavoro in proprio può rappresentare una svolta professionale in particolar modo per i giovani che tante difficoltà hanno ad inserirsi nel mercato del lavoro.

Lavoro in proprio: le tasse

Il lavoro in proprio porta con se diversi vantaggi, come quello di non essere dipendente da nessuno e di poter svolgere un lavoro dinamico. Per quanto riguarda le tasse per il lavoro in proprio ci sono due alternative: utilizzando la partita Iva o per prestazione occasionale.




Qust’ultimo è uno strumento fiscale che permette di poter lavorare in proprio occasionalmente senza l’obbligo di aprire una partita Iva. Si tratta di un’attività svolta “una tantum” o che non superi i 30 giorni con lo stesso committente.

Aprire una partita IVA con il regime forfettario per un professionista o freelance è gratuito. I possessori sono tenuti, però, al pagamento di un’imposta sostitutiva equivalente al 15% dei guadagni maturati, ai quali va aggiunto il costo delle spese Inps.




1 Trackback / Pingback

  1. Lavoro in proprio, cos’è un business plan

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.