Iniziare a lavorare in proprio, ecco cosa si deve fare


Iniziare a lavorare in proprio, ecco cosa si deve fare




Investire su se stessi e iniziare a lavorare in proprio è il desiderio di tantissime persone. Poter dare libero sfogo alle proprie passioni può essere la chiave per avere successo nel lavoro in proprio che si è scelto.

Ecco i passi da fare per iniziare a lavorare in proprio

Ci sono diverse opportunità per investire in un lavoro in proprio. Il primo elemento da prendere in considerazione è decidere tra l’apertura srl o l’apertura di una ditta individuale.

L’apertura ditta individuale è in assoluto la più semplice ed economica, gli adempimenti per costituirla sono: iscrizione nel Registro delle Imprese della locale Camera di Commercio, iscrizione all’Inps e, in caso di attività artigiana, all’Inail l’apertura di un Partita IVA non oltre trenta giorni dall’avvio dell’esercizio e compilare la domanda di “smart card” alla competente Camera di Commercio.

Per l’apertura srl è necessario recarsi da un notaio per la stesura dell’atto costitutivo e dello statuto. Ovviamente in questa circostanza l’onorario del notaio può variare. Successivamente sarà necessario aprire una Partita IVA, l’iscrizione nel Registro delle Imprese della locale Camera di Commercio, l’iscrizione all’Inps o all’Inail.




La ditta individuale

I vantaggi dell’apertura ditta individuale, rispetto alla srl sono la semplificazione ed economicità dei procedimenti di costituzione e liquidazione. Per cessare l’attività basta chiudere la Partita IVA e comunicarlo alla competente Camera di Commercio;, l’autodeterminazione nella gestione dell’impresa: il titolare è l’unico responsabile delle decisioni e l’assenza dell’obbligo di tenere i libri sociali.

La scelta dell’apertura srl è preferibile in caso di attività che necessitano di un investimento iniziale piuttosto cospicuo.

Per l’apertura srls è necessaria la stesura dell’atto costitutivo e dello statuto. Il notaio è obbligato a svolgere gratuitamente l’atto e dopo 20 giorni deposita presso il registro delle imprese l’atto senza spese di bollo che non sono in questo caso dovute. Ovviamente questo non deve far pensare che l’apertura srls sia più conveniente perchè le difficoltà di gestione e mantenimento di una società a responsabilità limitata semplificata è pari a tutte le altre.

E’ possibile, inoltre, svolgere un lavoro in proprio utilizzando la ritenuta d’acconto. La ritenuta d’acconto è una trattenuta Irpef o Ires che si aggira intorno al 20% che viene applicata alle somme che il fornitore percepisce dal cliente o dal datore di lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%