Orafo, serve la Partita IVA per aprire un laboratorio?


Orafo




L’orafo si occupa di progettare, realizzare e riparare gioielli e altri oggetti in oro, argento, metalli e pietre preziose. Oltre alla passione per i gioielli e i metalli preziosi, il lavoro di orafo richiede precisione, pazienza e creatività, nonché la giusta conoscenza degli strumenti e delle tecniche da utilizzare.

Laboratorio come dipendente oppure in proprio

L’orafo può lavorare come dipendente in un laboratorio artigianale o industriale o in un negozio di oreficeria, oppure svolgere questa attività in proprio.

In quest’ultimo caso potrà aprire un laboratorio seguendo un preciso iter burocratico che prevede l’apertura della Partita IVA utilizzando come codice ATECO quello per la fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi (cioè 32.12.10).

Per iniziare, è conveniente scegliere il regime forfettario previsto per coloro che hanno un fatturato inferiore ai 65 mila euro, un reddito da lavoro subordinato inferiore ai 30 mila euro e spese non superiori a 20 mila euro annui per collaboratori e dipendenti.




Questo regime prevede poi agevolazioni fiscali come una tassazione del 5% per i primi cinque anni di attività e del 15% per gli anni successivi.

Inoltre con questo regime sarà più semplice determinare il fatturato lordo, ovvero l’importo su cui calcolare le tasse (basterà moltiplicare quest’ultimo per il coefficiente di redditività, un valore percentuale che lo Stato ha assegnato a tutti i codici ATECO; che per l’artigiano orafo è del 67%).

L’orafo, per aprire un laboratorio, deve poi procedere:

  • all’iscrizione all’Albo delle imprese artigiane competente per territorio
  • all’INPS gestione artigiani, per i contributi previdenziali
  • all’INAIL per l’assicurazione sugli infortuni sul lavoro

 Inoltre, deve procedere alla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) e alla presentazione contestuale di una domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera presso lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) competente per territorio.

Infine, per l’esercizio dell’attività artigianale di orafo, è richiesta l’iscrizione nel registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi presso la Camera di Commercio.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.