Chiosco alimentare, i permessi che occorrono


Chiosco alimentare




Un chiosco alimentare può diventare un punto di riferimento per studenti, amici, insegnanti, turisti, e per questo può divenire un’attività redditizia per tutti coloro che intendano intraprenderla. Un’attività in proprio che se studiata e gestiate bene può dare delle enormi soddisfazioni sia professionali che economiche.

Prima di aprire un chiosco alimentare

Prima di aprire un chiosco alimentare bisogna decidere se optare per una struttura fissa o mobile.

Per quanto riguarda la prima è molto importante la scelta della location: vicino ad una scuola, ad una facoltà universitaria, ad una spiaggia, ad un’attrazione o comunque ad un punto di interesse della città.

Un chiosco alimentare mobile, invece, si può posizionare dove si vuole, anche in base alla stagionalità.




In ogni caso, l’iter burocratico da seguire è sempre lo stesso:

  • aprire la Partita IVA
  • iscrivere l’attività al Registro delle imprese
  • comunicare l’inizio attività al proprio Comune
  • aprire le posizioni INAIL e INPS
  • seguire il corso HACCP (devono seguirlo anche gli altri addetti)
  • possedere l’attestato SAB o titolo equivalente
  • pagare i diritti SIAE per diffondere eventuale musica
  • stipulare le regolari assicurazioni, come ad esempio l’antincendio

Per quanto riguarda i permessi che occorrono, è necessario avere tutte le autorizzazione dalla ASL per il locale.

Poi, nel caso si decida di apporre un’insegna, bisogna richiedere il permesso di affissione.

Ci sono poi degli specifici permessi nel caso di chiosco alimentare mobile e fisso.

Nel primo caso, infatti, bisognerà anche ottenere la licenza da ambulante dal Comune; nel secondo caso bisognerà richiedere al Comune lautorizzazione doccupazione del suolo pubblico e presentare il progetto per lautorizzazione edilizia.

Inoltre bisognerà ottenere lautorizzazione al commercio su area pubblica e relativa concessione di posteggio.

Sia nel caso di chiosco alimentare mobile che fisso, se si intende lavorare in spiaggia bisogna poi richiedere un’opportuna licenza che potrà essere emessa dal Comune con un apposito bando e che può avere anche un costo piuttosto importante (fino a 20 mila euro).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.