Doppio lavoro, come si dichiarano le entrate   


Doppio lavoro




Diverse persone svolgono un doppio lavoro per aumentare le proprie entrate. In effetti la legge non impedisce questa possibilità, purché vengano rispettate alcune condizioni (verificato il vostro contratto di lavoro) e cioè:

  • l’orario (la legge italiana impone di non superare le 48 ore lavorative settimanali; inoltre il secondo lavoro non deve avvenire durante l’orario di lavoro del primo)
  • la concorrenza (il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore)
  • la riservatezza (il dipendente non può divulgare informazioni, notizie e segreti aziendali in grado di creare un pregiudizio per il datore di lavoro)

Quindi possono svolgere un doppio lavoro i dipendenti part time (in questo caso svolgeranno due lavori part time) oppure un lavoratore full time che nel tempo libero svolga un’attività autonoma.

Posto che legalmente si possono svolgere due lavori, vediamo come si dichiarano le entrate.

Una persona che percepisce più redditi

Infatti una persona che percepisce più redditi da lavoro deve farli entrambi confluire nella dichiarazione dei redditi in modo da:




  • determinare il reddito complessivo (che è dato dalla somma dei due redditi da lavoro)
  • calcolare le detrazioni spettanti
  • calcolare l’imposta dovuta

Operativamente questo significa che bisogna dichiarare le entrate dei due lavori nel modello 730, indicando l’ammontare dei redditi percepiti dal primo e dal secondo lavoro, riportando le relative voci risultanti dalla Certificazione unica (CUD) rilasciata da ciascuno di essi, nella quale è espressa anche la cifra già versata allo Stato dal datore di lavoro che ha operato come sostituto d’imposta, trattenendo le tasse dovute dal lordo in busta paga.

È importante che il lavoratore dichiari anche i redditi derivanti dal secondo lavoro perché altrimenti può rischiare di essere sottoposto ad un accertamento fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Infine le entrate del secondo lavoro non rientrano nel reddito globale da dichiarare solo nel caso in cui siano prive di ripetitività, regolarità, stabilità e sistematicità.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.