Licenza UTIF, quando va chiesta


Licenza




Qualsiasi attività che intenda produrre, trasformare, vendere o somministrare prodotti alcolici, deve possedere la licenza UTIF. Questo è un obbligo che è stato reintrodotto il 30 giugno 2019 con il Decreto Crescita e che impone che tutte le attività lavorative che producono, trasformano o vendono prodotti alcolici devono comunicarlo all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del territorio.

Prima di avviare la propria attività

In particolare, bisogna fare richiesta di questa licenza prima di avviare la propria attività commerciale nel settore degli spiriti (che implichi la mescita, la vendita al dettaglio, il commercio all’ingrosso, i depositi a scopo di vendita) e di altri prodotti (come liquori, vino, birra, profumeria, alcool puro, alcool denaturato).

Uno dei requisiti per poter possedere la licenza UTIF è di essere in regola con il pagamento delle tasse.

Le autorità competenti al rilascio e al rinnovo delle autorizzazioni necessarie alla vendita degli alcolici, verificheranno che il richiedente sia in regola con il pagamento dei tributi locali e, solo allora, rilascerà la licenza.




Questa ha validità permanente e può essere ottenuta facendone richiesta scritta all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli competente nel territorio, di persona oppure inviandola tramite posta raccomandata.

In allegato alla richiesta bisogna inoltrare una copia del documento di identità e una marca da bollo, mentre un’altra marca da bollo andrà apposta sulla licenza.

Prima di ottenere la licenza vera e propria

Prima di ottenere la licenza vera e propria, è consigliabile conservare la ricevuta della richiesta inoltrata così che, in caso di controllo, non ci siano degli impedimenti e delle sanzioni.

Si ricorda, infatti, che in caso si vendano alcolici essendo sprovvisti della licenza UTIF, c’è il rischio di incorrere in sanzioni che possono andare da 500 a 3000 euro.

Dunque, tutte le attività avviate dopo il 2017 (e quelle avviate negli anni precedenti e che non abbiano adempiuto agli obblighi) dovranno procedere alla denuncia dell’attività presso l’Agenzia delle Dogane territorialmente competente, per poter vendere alcolici.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.