CCNL, a cosa serve


CCNL




Il CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) è l’accordo tra un datore di lavoro (o un gruppo di datori di lavoro) e un’organizzazione o più di lavoratori, che ha lo scopo di stabilire il trattamento minimo garantito e le condizioni di lavoro alle quali dovranno conformarsi i singoli contratti individuali stipulati sul territorio nazionale.

Fonte del diritto del lavoro

Dunque il CCNL è quella fonte del diritto del lavoro che serve ai lavoratori e alle associazioni dei datori di lavoro (o un datore di lavoro) a stabilire le regole comuni che devono intercorrere nel rapporto di lavoro:

  • determinando il contenuto essenziale dei contratti individuali di lavoro di un determinato ambito professionale, sia dal punto di vista economico che normativo
  • regolamentando i rapporti e le relazioni industriali tra i soggetti collettivi

Il CCNL si articola in due parti, quella normativa e quella obbligatoria.

Nella parte normativa sono contenute le tabelle retributive e tutte le regole fondamentali del rapporto di lavoro, vale a dire le clausole che devono essere seguite nei singoli rapporti di lavoro e che attengono ai livelli retributivi, all’orario di lavoro, alle ferie e così via.




Nella parte obbligatoria, invece, sono contenute le regole che disciplineranno i futuri rapporti tra le controparti (collettive) del contratto, cioè i sindacati e le associazioni di imprenditori firmatarie dello stesso.

Entrambe le parti del CCNL

Entrambe le parti del CCNL hanno una durata di 3 anni e alla scadenza gli effetti del contratto decadono.

Tuttavia il contratto può essere rinnovato: è necessario avviare la procedura entro i tre mesi precedenti la scadenza, con la presentazione delle piattaforme rivendicative.

Negli ultimi tre mesi di reggenza del contratto e nel mese successivo vige l’obbligo di non intraprendere iniziative di lotta sindacale.

Infine, nel caso in cui il contratto scada senza che le parti raggiungano un accordo per il rinnovo, viene attivata l’indennità di vacanza contrattuale, vale a dire un importo ulteriore che ha come scopo quello di preservare dagli effetti dell’inflazione la retribuzione che spetta ai lavoratori.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.