CCNL, che cos’è    


CCNL




Il CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) è una delle fonti principali del diritto del lavoro, quella secondo cui le organizzazioni che rappresentano i lavoratori e le associazioni dei datori di lavoro stabiliscono le regole che disciplinano il rapporto di lavoro.

Un contratto collettivo è infatti l’accordo tra un datore di lavoro (o un gruppo di datori di lavoro) e un’organizzazione o più di lavoratori, che ha lo scopo di stabilire il trattamento minimo garantito e le condizioni di lavoro alle quali dovranno conformarsi i singoli contratti individuali stipulati sul territorio nazionale.

Generalmente i CCNL sono strutturati:

  • in una parte normativa che racchiude le tabelle retributive e le regole fondamentali del rapporto di lavoro.Sono contenute le clausole che sono destinate ad avere efficacia nei singoli rapporti di lavoro (come i livelli retributivi, l’orario di lavoro, le ferie e così via).
  • in una parte obbligatoria che contiene le regole che disciplineranno i futuri rapporti tra le controparti (collettive) del contratto, cioè i sindacati e le associazioni di imprenditori firmatarie dello stesso.Rappresenta quella parte del CCNL che vincola a determinati comportamenti le associazioni dei lavoratori e datori tra loro (come ad esempio le clausole di tregua sindacale).

A partire dal 2009 il CCNL dura 3 anni sia per la parte normativa che obbligatoria. Le parti che stipulano i contratti collettivi nazionali di lavoro dipendono:




  • dalla base territoriale (che può essere nazionale, regionale, locale, relativa ad una sola azienda o a una precisa categoria)
  • dal settore del lavoro (pubblico o privato)

Nel settore privato, il CCNL è stipulato dai sindacati e dalle associazioni dei datori di lavoro.

Nel settore pubblico, le parti sono sostituite dalle rappresentanze sindacali dei lavoratori e dall’ARAN, la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni per l’attività di contrattazione collettiva.

La contrattazione collettiva può avvenire a diversi livelli:

  • interconfederale, definisce le regole generali che interessano l’insieme dei lavoratori indipendentemente dal settore produttivo di appartenenza
  • nazionale di categoria
  • territoriale interconfederale e di categoria
  • aziendale di categoria


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.