Pizzaiolo, quale contratto di lavoro adottare


Pizzaiolo




Quella del pizzaiolo è una libera professione per la quale non è previsto alcun albo a cui iscriversi. Infatti, quella del pizzaiolo è una libera professione che per legge rientra fra le mansioni dei pubblici esercizi e del turismo. Va ricordato che diventare pizzaiolo non è improvvisarsi ma soprattutto studio e ricerca.

Quale inquadramento per un pizzaiolo?

In particolare, l’inquadramento è quello di operaio di quarto livello: appartengono a questo livello, i lavoratori che, in condizioni di autonomia esecutiva, anche preposti a gruppi operativi, svolgono mansioni specifiche di natura amministrativa, tecnico-pratica o di vendita e relative operazioni complementari, che richiedono il possesso di conoscenze specialistiche comunque acquisite.

Si fa riferimento all’operatore pizza, cioè il lavoratore che presta la propria attività in aziende nelle quali la natura e la struttura del servizio di ristorazione, per la semplicità dei modelli organizzativi adottati ovvero per i processi operativi standardizzati, non ha caratteristiche tali da richiedere l’impiego delle figure professionali previste ai livelli superiori, in quanto, sulla base delle specifiche fornite e di limitate ricette, provvede alla preparazione e cottura di impasti già predisposti, alla somministrazione, alle operazioni di cassa e riassetto della postazione di lavoro e delle relative attrezzature.

Cosa fa un pizzaiolo?

In pratica, prepara gli impasti, predispone gli ingredienti, condisce le pizze e le cuoce; si occupa pure della gestione e della pulizia degli attrezzi utilizzati (anche forni). A volte può occuparsi anche degli ordini delle materie prime e quindi dei rapporti con i fornitori.




In definitiva, il pizzaiolo ha un rapporto di lavoro di tipo subordinato poiché è previsto per lui un compenso fisso e un orario per le mansioni che svolge. In genere gli orari di lavoro di un pizzaiolo sono di 40 ore settimanali articolate su 5 o 6 giorni lavorativi.

Per quanto riguarda invece la retribuzione, stando al CCNL, la paga si aggira intorno ai 1300 euro mensili con 14 mensilità più la liquidazione, ferie e permessi retribuiti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.