Agente immobiliare, come diventarlo


Agente immobiliare, come diventarlo




La figura professionale dell’agente immobiliare è molto attuale, nonostante la crisi del settore immobiliare. Si tratta di quel professionista che fa da mediatore fra chi cerca una casa o un appartamento in affitto o in vendita e chi vuole metterlo in affitto o in vendita. Le sue competenze riguardano non solo il campo immobiliare ma anche fiscale, economico e legale.

Cosa fare per diventare agente immobiliare

Infatti, nel tempo, diventare agente immobiliare è diventato sempre più difficile perché bisogna conseguire un titolo dopo un iter accurato di formazione.

Per ottenere la licenza per svolgere il ruolo di agente immobiliare, è necessario:

  • frequentare e superare un corso di formazione

oppure




  • esercitare la professione almeno per un anno in un’agenzia immobiliare e, contemporaneamente, frequentare un corso di formazione.

Tuttavia, questa seconda possibilità in Italia non è ancora attuabile.

I corsi di formazione devono essere tenuti da enti riconosciuti e possono essere frequentati in maniera tradizionale oppure online e avere una durata che va da 80 fino a 200 ore. Dopo aver frequentato il corso, sarà necessario superare l’esame presso la Camera di Commercio della propria provincia di residenza: l’esame consta di due prove scritte e una orale. Le materie oggetto di esame attengono a conoscenze giuridiche ed economiche nonché altre burocratiche legate strettamente al settore immobiliare.

Per quanto riguarda le prove scritte, le nozioni giuridiche richieste sono quelle che attengono al diritto civile e al diritto tributario: al futuro agente immobiliare sarà richiesto di sapere, ad esempio, cosa sia l’ipoteca, le obbligazioni, i diritti reali, i finanziamenti, i vari tipi di contratti, i registri immobiliari e così via. Per quanto riguarda, invece, la prova orale, le conoscenze del candidato vertono sulle stesse materie delle prove scritte ponendo anche particolare attenzione a tematiche come l’andamento del mercato, l’oscillazione dei prezzi, l’arbitrato e gli accordi inter-associativi.

Prima di affrontare le prove dell’esame, il candidato potrà esercitarsi con i quiz messi a disposizione dalle Camere di Commercio.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.