Assenza dal lavoro per malattia, fondamentale il certificato medico da consegnare


Assenza dal lavoro per malattia, fondamentale il certificato medico da consegnare




Nel caso di assenza dal lavoro per malattia, il lavoratore può conservare il proprio posto di lavoro e percepire un’indennità per il periodo di prognosi della malattia certificata secondo le modalità previste dalla legge.

Per usufruire di tali benefici, il lavoratore deve adempiere ad alcuni obblighi mediante l’invio del “certificato medico di malattia.”

Certificato medico di malattia, cos’è:

Il certificato medico di malattia deve essere fornito dal lavoratore affinché possa avere diritto all’indennità di malattia. Di seguito spigheremo che il certificato medico di malattia si compone di due documenti:

  • Certificato che attesta l’esistenza di una malattia che impedisce al dipendente di recarsi al lavoro; esso deve essere inviato all’INPS dal medico curante o di una struttura sanitaria.
  • Certificato che attesta la prognosi, ovvero la durata della malattia; esso deve essere inviato al datore di lavoro dal lavoratore.

Nella documentazione, inoltre, deve essere indicato dal lavoratore il suo indirizzo di reperibilità, se diverso dal domicilio o dalla residenza, per le eventuali visite fiscali miranti all’accertamento, da parte di un medico incaricato dall’istituto previdenziale, della correttezza della diagnosi della malattia al dipendente e della sua prognosi.




Modalità di invio de certificato medico e copertura

L’invio del certificato medico di malattia avviene in via telematica, tramite fax, telefono, sms, e-mail o pec. Esso deve essere effettuato il giorno stesso dell’emissione del certificato o, al massimo, quello successivo. Tuttavia, è consentito l’invio cartaceo della documentazione ad onere del lavoratore, nei casi previsti dalla normativa:

  • ricovero ospedaliero.
  • certificato emesso dal pronto soccorso.
  • Impossibilità di accesso alla procedura telematica da parte del medico curante o struttura sanitaria.

L’invio della documentazione, sia all’INPS che al datore di lavoro, in tal caso, deve essere effettuata dal lavoratore a mezzo raccomandata entro un massimo di 2 giorni. La disciplina in merito alla procedura di invio della certificazione è la medesima sia per i dipendenti pubblici, che privati.

Per la copertura, occorre precisare che il periodo di copertura ai fini dell’indennità, decorre dalla data di emissione del certificato medico di malattia, tuttavia essa può essere retroattiva (massimo il giorno precedente a quello della certificazione) nel caso in cui venga indicato espressamente che la malattia decorra dal giorno precedente.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.