Assenza dal lavoro, la visita fiscale di sabato e di domenica


Assenza dal lavoro, la visita fiscale di sabato e di domenica




Quando accade che ci si ammala durante i giorni festivi, spesso ci si domanda se si è coperti ugualmente dalla malattia in caso di assenza dal lavoro.
La risposta ovviamente è si e quindi di seguito spiegheremo come funziona in caso di malattia nel week end.

È però Da premettere che in caso di malattia il lavoratore sia alle dipendenze del pubblico impiego sia del privato,
deve darne tempestiva comunicazione all’INPS e al datore di lavoro;

La comunicazione avviene senza dubbio in modo semplice, come spiegato di seguito.

Cosa deve fare il lavoratore in caso di malattia

Basterà che il lavoratore si rechi presso il proprio medico curante, il quale provvederà ad inoltrare una tempestiva comunicazione all’INPS mediante certificato.




Nel caso in cui il medico non fosse reperibile è possibile rivolgersi alla guardia medica,
oppure, in caso di ricovero alla struttura ospedaliera ove ha avuto luogo il ricovero.

I dipendenti pubblici e privati possono essere sottoposti a visita fiscale nei giorni di sabato, domenica e nei festivi?

Sappiamo che il datore di lavoro o lo stesso ente previdenziale possono mandare la “visita fiscale “ al  lavoratore sono in determinate fasce orarie;
queste, disciplinate dal d.L. del sei luglio del 2011; suddivise in due fasce orarie, mattutina e pomeridiana,
queste  vanno dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e poi dalle ore 17:00 alle ore 19:00 nel caso in cui si tratti di lavoratori privati;

Per i dipendenti pubblici le fasce orarie in cui si può essere soggetti a controlli va dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00.

Tenuto conto che esistono delle deroghe a questi orari a seconda del tipo di impiego,
queste fasce orarie debbono essere rispettate anche il sabato e la domenica oltre ai festivi se non si vuole incorrere in sanzioni.

Quindi le attività di controllo fiscale possono essere espletate anche nei giorni festivi qualora siano ricompresi nel periodo in cui è stata “richiesta” la malattia, ad esempio se viene richiesta la malattia per due settimane consecutive il sabato e la domenica sono anch’essi da considerare come giorni di malattia.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.