Mobbing come si dimostra di subirlo


Mobbing come si dimostra di subirlo




Quando si subiscono delle azioni di mobbing, non è sempre facile dimostrarlo infatti prima di iniziare un percorso di denuncia è bene sapere come riconoscere il mobbing. In Italia, infatti, non esiste una legge che tutela specificatamente i lavoratori mobbizzati ma si deve fare ricorso alla disciplina applicata in altre fattispecie di reato.

Mobbing, la denuncia

Per il lavoratore che si accinge a denunciare le violenze o i maltrattamenti psicologici subiti, è importante sapere che non si è vittima di mobbing quando un’azione fastidiosa o poco gradita nei suoi confronti viene svolta sporadicamente o momentaneamente.

Infatti, per sussistere, il mobbing deve manifestarsi in un’azione (o una serie di azioni) svolte sistematicamente, frequentemente e per un lungo periodo di tempo e, queste azioni, devono ricondursi ad uno scopo preciso e intenzionale: lo scopo è, appunto, quello di ledere psico – fisicamente chi subisce le parole o le azioni.

La dimostrazione che ci sia mobbing

Il lavoratore mobbizzato ha l’onere della prova, cioè deve dimostrare i fatti subiti per far valere i propri diritti (ad esempio, un risarcimento patrimoniale).




Rifacendosi a ciò che la legge dice nel caso di altre fattispecie di reato, al mobbizzato spetta dimostrare:

  • di aver subito violenze fisiche o psichiche;
  • ci sia un danno al suo patrimonio o alla sua integrità psicofisica (questo può essere dimostrato, ad esempio, adducendo come prova le spese sostenute dal punto di vista sanitario per ricevere cure fisiche o psicologiche);
  • che ci sia un nesso di causalità fra le violenze subite e il danno;
  • ci sia un intento persecutorio da parte del datore di lavoro.

Ad ogni modo, la dimostrazione può avvenire:

  • mediante testimoni (come colleghi di lavoro);
  • mediante prova scritta protocollata e inviata via raccomandata (si tratta, ad esempio, della corrispondenza ricevuta via email, SMS, lettere in cui si viene offesi o criticati);
  • registrazioni di conversazioni (sono consentite, per difesa personale, solo quelle avvenute con il datore di lavoro e non con gli altri colleghi).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.