Vertenza sindacale a chi ci si deve rivolgere


Vertenza sindacale a chi ci si deve rivolgere




La vertenza sindacale è il nome comunemente utilizzato per la denuncia del lavoro nero. In Italia il lavoro precario è assai diffuso e questo strumento viene spesso impugnato dai lavoratori dipendenti per rivalersi nei confronti del datore di lavoro.

Si utilizza il termine vertenza sindacale perché il lavoratore, dopo aver tentato di far valere i propri diritti lesi con il datore di lavoro, si rivolge al sindacato a cui è iscritto nel tentativo di autotutelarsi. Verrà quindi esposta una formale denuncia e istituita una commissione con il compito di trovare un punto di accordo tra le parti.

Diversi i motivi per fare vertenza sindacale

Esistono diversi motivi che possono spingere ad una vertenza lavoro tra i quali: il licenziamento, ovvero quando un lavoratore viene licenziato senza ricevere i giorni di preavviso stabiliti per legge e senza ricevere l’indennità corrispondente, le retribuzioni non versate, quando non sono state pagate una o più mensilità. Le retribuzioni di importo minore, quando il salario versato è di un ammontare inferiore rispetto a quello stabilito per contratto, le ferie mancate, quando il datore di lavoro non concede le ferie dovute o non le sostituisce con l’indennità corrispondente stabilita per legge.

Dai permessi mancati alla retribuzione

Altri casi previsti sono i permessi mancati, ossia quando il datore di lavoro non concede i permessi dovuti per legge, la  malattia non riconosciuta, nel caso in cui il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per la malattia. In caso di infortunio non riconosciuto, quando il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per infortunio, di maternità non riconosciuta, ovvero nel caso in cui il datore di lavoro non riconosce le indennità stabilite dalla legge per la maternità.




Il lavoratore può chiedere una vertenza sindacale anche per il  TFR non riconosciuto, quando, durante o alla fine del rapporto di lavoro, il dipendente non riceva il TFR spettante, in busta paga o alla fine del rapporto, secondo i casi. In ogni caso il punto di riferimento per il lavoratore è il sindacato, nel caso in cui non si riesca a trovare una conciliazione il caso sarà affidato all’avvocato di fiducia.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.