CCNL a cosa occorre?


CCNL
Magnifying glass examining and signing a legal contract document




Per stabilire le regole che disciplinano il rapporto di lavoro, il nostro ordinamento giuridico ha pensato al CCNL vale a dire al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro cioè l’accordo tra un datore di lavoro (o un gruppo di datori di lavoro) ed un’organizzazione o più di lavoratori.

Mediante questo accordo vengono stabiliti il trattamento minimo garantito e le condizioni di lavoro alle quali dovranno conformarsi i singoli contratti individuali stipulati sul territorio nazionale.

Per quanto riguarda il contenuto del CCNL si distinguono:

  • il contenuto normativo, che attiene al complesso di clausole che sono destinate ad avere efficacia nei singoli rapporti lavorativi (tabelle retributive, orari di lavoro, permessi, straordinario, ferie e così via)
  • il contenuto obbligatorio, cioè quello che vincola a determinati comportamenti le associazioni dei lavoratori e datori di lavoro tra loro (ad esempio le cosiddette clausole di tregua sindacale)

Entrambe queste parti hanno durata di 3 anni, terminati i quali il CCNL non produce più i suoi effetti e non è più vincolante, tranne che per le clausole riguardanti la retribuzione.

A partire da 3 mesi prima della scadenza del CCNL si può presentare la richiesta di rinnovo, presentando le “piattaforme rivendicative”, cioè le richieste avanzate dal sindacato nei confronti della controparte (il datore o i datori di lavoro).




Se il rinnovo non avviene, ai dipendenti è concessa un’indennità che viene definita “di vacanza contrattuale”.

Nell’ambito della gerarchia delle fonti giuridiche, abbiamo in primis le regole sancite dalla nostra Costituzione, poi quelle dello Statuto del Lavoratore e dopo quelle del CCNL.

Da ciò discende che il CCNL, nello stabilire le regole che disciplinano i rapporti di lavoro, non può introdurre condizioni peggiorative rispetto a quelle stabilite dalle fonti di livello superiore.

Come fonte di livello inferiore rispetto al CCNL, c’è invece il contratto individuale cioè un accordo scritto tra dipendente e azienda/datore di lavoro, in cui vengono definite le modalità con cui deve essere svolto il lavoro, le regole da rispettare, la retribuzione e tutto ciò che è utile a chiarire il rapporto lavorativo, da ogni punto di vista.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.