TFR lavoratore deceduto, come funziona la riscossione?


TFR lavoratore deceduto, come funziona la riscossione?




Ogni lavoratore subordinato accumula, durante gli anni lavorativi, una somma di denaro in percentuale che viene poi corrisposta al termine del contratto di lavoro. Tale somma è considerata il cosiddetto Trattamento di Fine Rapporto o TFR e viene calcolata suddividendo lo stipendio percepito a fine mese per 13,5.

Nello specifico, il Trattamento di Fine Rapporto può essere accantonato sia in azienda che tramite un Fondo Pensionistico, ottenendo agevolazioni differenti in base a dove si desidera destinarlo. Tuttavia, cosa succede se si verifica un decesso di un lavoratore che ha accumulato il Trattamento di Fine Rapporto? E per chi deve riscuotere la somma, il trattamento di fine rapporto sarà tassato?

SI procederà a considerare l’eredità parentale, considerando in primis moglie e figli. Vediamo nello specifico come doversi comportare in caso di decesso del lavoratore e come poter considerare eventuali eredità parentali.

Decesso di un lavoratore e pagamento TFR

Se si verifica un decesso, il pagamento TFR spetta agli eredi in funzione di diritto proprio e non come diritto successorio. In altre parole, questo non è un attivo ereditario e gli eredi possono pretendere il TFR, ma possono a sua volta non accettare l’eredità.




Il diritto all’eredità del TFR spetterà di conseguenza al coniuge, poi ai figli e poi ai parenti che
rientrano nel terzo grado
se risultano conviventi con il lavoratore deceduto. Inoltre, se il lavoratore
deceduto risultava divorziato, il Trattamento di Fine Rapporto che spetterà all’ex coniuge solo se il
lavoratore in questione non si fosse risposato, percependo un assegno divorzile.

Quindi il TFR non spetta ai fratelli? Se questi non fanno parte dell’eredità, il TFR non andrà in successione a questi ultimi e, di conseguenza, verrà corrisposto in primis a moglie e figli e solo in terzo caso può spettare ad eventuali parenti che rientrano nel terzo grado e che hanno convissuto con il lavoratore in questione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.