Anticipo TFR, che cos’è


TFR




A particolari condizioni i lavoratori possono richiedere l’anticipo TFR, cioè che il trattamento di fine rapporto venga liquidato prima della cessazione del rapporto di lavoro.

Per poterlo richiedere è necessario però che ci siano determinate motivazioni e ricorrano alcuni requisiti.

Il lavoratore può richiedere l’anticipo TFR

Il Codice Civile, all’art. 2120 commi 6-11, stabilisce quali sono i casi in cui il lavoratore può richiedere l’anticipo TFR: prima di tutto va detto che verrà erogata solo una parte del TFR, vale a dire fino al 70% della somma maturata, a prescindere dal motivo per cui se ne è richiesta la liquidazione.

Inoltre, affinché possa avvenire l’anticipo TFR, è necessario che il rapporto di lavoro sussista da almeno 8 anni. Poi, l’anticipo TFR può essere richiesto al massimo dal 10% degli aventi diritto e comunque del 4% del numero totale dei dipendenti.




Infine, l’anticipo TFR può essere ottenuto una sola volta nel corso del rapporto di lavoro.

Per quanto riguarda le motivazioni per cui il lavoratore può richiedere la liquidazione anticipata del TFR, la legge ha stabilito che il soggetto debba trovarsi nella condizione di dover affrontare spese improvvise e inderogabili.

Ad esempio debba:

  • sostenere eventuali spese sanitarie con terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche
  • provvedere all’acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile
  • sostenere eventuali spese durante i periodi di fruizione dei congedi parentali e per formazione del lavoratore (come nei periodi di congedo facoltativo a seguito della nascita di un figlio o di conseguimento titolo e partecipazione ad attività di formazione)

Per quanto riguarda le spese di ristrutturazione, va detto che nel Codice Civile non viene data la possibilità di richiedere l’anticipo TFR per sostenere queste spese.

Tuttavia, la facoltà di liquidazione del TFR anticipato al lavoratore viene rimessa alla scelta finale del datore di lavoro.

Infine, anche i CCNL di categoria possono intervenire a disciplinare i casi in cui sia ammessa o meno la richiesta di anticipo TFR, anche se non disposto dal Codice Civile.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.