Legge 104, il trasferimento più vicino è un diritto


Legge 104, il trasferimento più vicino è un diritto




La legge 104 è una legge che ha fatto discutere, soprattutto per i diritti che spettano e per i doveri che si devono mantenere. Per averla bisogna superare numerosi step, ma alla fine si riesce sicuramente ad avere i dei vantaggi che spettano di diritto a causa della condizione.

Avere il trasferimento più vicino è sicuramente uno dei diritti principali per il lavoratore che ha la legge 104, spesso però non viene rispettato dai datori di lavoro. Dunque questi ultimi devono dimostrare l’impossibilità di trasferire un dipendente, altrimenti potrebbero trovarsi in situazioni poco piacevoli.

Legge 104, il mancato trasferimento è contro il datore di lavoro

Secondo una nuova sentenza, la legge 104 garantisce ad un lavoratore il diritto di avere un trasferimento più vicino alla sua residenza. Il datore di lavoro a questo punto ha l’onere di dover effettuare appunto questo trasferimento, se questo non può avvenire, devono essere date le dovute spiegazioni.

In caso contrario questa potrebbe essere una prova contro il datore di lavoro, in caso di causa lavorativa. Ciò potrebbe dunque compromettere l’operato del datore di lavoro.




Legge 104, il trasferimento più vicino non è l’unico diritto

Parlando in maniera approfondita, bisogna sottolineare che la legge 104 prevede che un lavoratore che
convive con la persona avente problemi, che siano genitori o individui con gravi situazioni, hanno diritto
di avere un posto di lavoro il più vicino possibile al loro domicilio, il tutto per poter effettuare non solo al
meglio le proprie mansioni lavorative ma anche per poter assistere la persona in casa.

Altro diritto, oltre al trasferimento più vicino, quello concesso dalla legge 104 è quello di avere 3 giorni di permesso, in modo tale da potersi dedicare totalmente alla cura della persona malata o con necessità di essere assistita.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.