Erasmus, studiare all’estero: che cos’è?


Erasmus, studiare all’estero: che cos’è?




Si sente spesso parlare dell’Erasmus, ma che cos’è nello specifico e perchè scegliere l’Erasmus? Quali sono i suoi obiettivi? L’Erasmus è un progetto che ha creato l’Unione Europea, per creare una condivisione tra gli Stati Membri compresi nell’UE o coloro che vi sono comunque associati.

Che cos’è l’Erasmus: frequentare l’Università all’estero

Sostanzialmente, le persone che sono iscritte all’Università possono chiedere di frequentare dai tre fino ai dodici mesi un’università in una città straniera.

È un modo per comprendere un’altra lingua, per avvicinarsi a una cultura che non si conosce e soprattutto per diventare completamente indipendente. Ogni Università offre la possibilità di partecipare all’Erasmus: ogni anno, vengono pubblicati le istruzioni da seguire alla lettera.

Come funziona? Dopo che si fa domanda, lo studente viene preso in considerazione: inoltre, coloro che hanno delle difficoltà economiche verranno aiutati dall’ISEE. Un altro sostanzioso contributo viene stanziato dal MIUR.




Un punto molto importante da sapere è che ci sono dei requisiti e dei documenti che devono essere in
regola prima di fare domanda per l’Erasmus. Lo studente in questione deve essere in pari con gli esami,
oltre ad avere pagato tutte le tasse universitarie.

Un modo per avvicinarsi a un’altra cultura e un’esperienza indimenticabile

Oltre a questo, è importante conoscere la lingua del posto: in alcuni casi, saranno offerti dei corsi per
approfondire la lingua, ma molte Università richiedono un livello superiore.

Quando frequenterete l’Erasmus, al termine, vi sarà consegnata una borsa di studio: ovviamente, per
ottenerla, dovete seguire tutti i corsi e dare gli esami di riferimento.

Dunque, l’Erasmus non è da prendere come “una vacanza”. Certo, avrete la possibilità unica di visitare
una città nuova, di conoscere altre persone e di entrare in contatto con una cultura diversa da quella
italiana. Tuttavia, dovete ugualmente impegnarvi e studiare, per non rimanere indietro e rischiare di
dover recuperare tutto al vostro ritorno.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.