Congendo straordinario legge 104 come funziona


Congendo straordinario legge 104 come funziona




La legge 104 è quella che garantisce dignità e autonomia a persone con handicap, minorazione fisica, psichica che comportano un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa e che, pertanto, provoca un evidente svantaggio e un disagio quotidiano. Ovviamente i lavoratori che usufruiscono della legge 104 hanno sia diritti che doveri da rispettare.

Tutelare chi deve convivere con qualsivoglia forma di handicap è l’obiettivo principale della legge 104 che prevede la concessione permessi, congedo straordinario, sgravi fiscali, indennità di accompagnamento,  pensioni di invalidità, assegni di invalidità e la pensione anticipata attraverso una legge introdotta nel febbraio del 1992.

Per presentare correttamente la legge 104 richiesta è necessario che l’interessato, entro 30 giorni dal rilascio del certificato, presenti la domanda all’Inps per il riconoscimento dell’handicap. Dopo tale scadenza il certificato medico non è più valido e deve essere rifatto. La procedura è unica per il riconoscimento sia d’invalidità, che d’inabilità, o di handicap.

Richiesta legge 104 e congedo straordinario

Ci sono diversi modi per presentare la legge 104 richiesta. Il procedimento può essere scolto correttamente tramite il sito web dell’Inps, all’interno della sezione “Servizi per il cittadino”, qualora si disponga del codice Pin oppure tramite il Contact Center Inps Inail o in alternativa recandosi presso un patronato.




Per i  familiari che assistono la persona con handicap è previsto il congedo straordinario ai sensi dell’articolo 3, comma 3, legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Lo stipendio congedo straordinario corrisponde alla retribuzione ricevuta nell’ultimo mese di lavoro
che precede il congedo stesso, esclusi gli emolumenti variabili della retribuzione, entro un limite massimo di reddito rivalutato annualmente.

Il congedo straordinario per i lavoratori dipendenti rispetta il seguente ordine di priorità: coniuge
convivente o la parte dell’unione civile convivente della persona disabile in situazione di gravità, padre o
madre anche adottivi o affidatari, figlio convivente convivente della persona disabile, fratello o sorella
convivente, parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di
gravità.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.