Disoccupazione 2018 ecco i requisti richiesti dall’INPS   


Disoccupazione 2018 ecco i requisti richiesti dall'INPS   




Per quanto riguarda la richiesta della nuova disoccupazione Naspi 2018, è opportuno presentare la specifica documentazione e seguire determinate procedure. Tali procedure possono venir effettuate sia online che direttamente in sede inps.
Ad esempio, se si vuol farlo online, richiedere l’assegno di disoccupazione risulta piuttosto semplice. Per farlo basta accedere alla pagina personale Inps ed inviare la propria domanda di disoccupazione semplificata.

Solitamente tale operazione è eseguibile da qualunque utente Inps. Tuttavia, questa procedura risulta ancora in sperimentazione e potrebbe presentare alcuni piccoli malfunzionamenti soprattutto per quanto riguarda le procedure telematiche.

Richiedere la disoccupazione 2018 

Si può richiedere quindi il pagamento della disoccupazione rispettando alcuni requisiti specifici.  Innanzitutto, è opportuno considerare che la disoccupazione 2018 può esser richiesta a tutti i lavoratori che hanno perso il lavoro in modo involontario.

Ci sono tuttavia alcune categorie di lavoratori che non rientrano in questo campo. Fra essi rientrano tutti i dipendenti a tempo indeterminato che lavorano in pubbliche amministrazioni e tutti gli operai agricoli che risultano sia a tempo indeterminato che determinato.




Invece, tutti gli apprendisti, i dipendenti pubblici con contratto a tempo determinato, tutti i lavoratori e personale in ambito artistico che possiedono un contratto subordinato a tempo determinato, i soci lavoratori di cooperative che possiedono un rapporto di lavoro subordinato possono richiedere la Naspi 2018 senza particolari problemi.

Novità della disoccupazione 2018 

Una fra le novità della disoccupazione 2018 è la rimozione dell’indennità di mobilità. Da ricordare
inoltre che l’importo dell’indennità non corrisponde più a quello della cassa integrazione ma si basa su
altre regolamentazioni.

Ci sono anche altre nuove categorie che possono richiedere il sussidio di disoccupazione, quali le
lavoratrici che si sono dimesse nel periodo di maternità, le lavoratrici che hanno dovuto dimettersi per
motivi legati alla maternità ed anche tutti i lavoratori che sono stati licenziati per motivi legati a
provvedimenti disciplinari. Inoltre, i lavoratori che sono stati “vittime” di licenziamenti collettivi, avranno
diritto a sua volta all’indennità di disoccupazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.