Contratto di lavoro e la reperibilità, è obbligatoria oppure no?


Contratto di lavoro e la reperibilità, è obbligatoria oppure no?




Una delle principali motivazioni di discussione, sono la reperibilità obbligatoria all’interno del contratto di lavoro. Questo perché un lavoratore quando è a riposo spesso viene chiamato per sostenere degli straordinari e nei contratti di lavoro questa voce è molto richiesta l’importante è controllare ad esempio nei contratti di lavoro 2018 se ci sono voci in merito.

Per la legge però il dipendente per dare il massimo delle prestazioni, deve giungere sul posto di lavoro , riposato e carico, proprio per dare anche la possibilità all’azienda di svolgere un’ottima attività di produzione.

Contratto di lavoro e reperibilità, è obbligatoria oppure no?

Uno dei dilemmi più diffusi è quello che riguarda appunto la reperibilità, spesso viene considerata obbligatoria nei giorni di riposo ma non è sempre cosi. Infatti, se non chiaramente espressa nel contratto di lavoro, la reperibilità non è obbligatoria, il dipendente quindi può anche rifiutare di presentarsi a lavoro nei suoi giorni di riposo senza rischiare sanzioni o licenziamenti.

Secondo la Corte di Cassazione infatti, la reperibilità nei giorni di riposo è una prestazione accessoria e se accettata dal dipendente, deve avere la giusta remunerazione con delle maggiorazioni ed inoltre deve essere concesso al lavoratore un altro giorno di riposo.




Contratto di lavoro e reperibilità obbligatoria: il pagamento per la disponibilità

Come detto in precedenza, dato che la reperibilità non è obbligatoria se non prevista dal contratto di
lavoro, una volta accettata dal dipendente deve essere pagata con delle maggiorazioni in quanto si
tratta di un patto aggiuntivo e non previsto in precedenza.

Questa maggiorazione però non è prevista solo se la reperibilità non risulta da contratto, ma anche se
invece è prevista, il tutto perché comunque secondo la legge un lavoratore ha diritto al riposo e qualora
sia disturbato in quel giorno, deve essere ripagato in qualche modo.

Tutto questo quindi per giustificare un trattamento economico diverso rispetto alla normale
retribuzione per un lavoro che non prevede la richiesta di un riposo compensato.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.