CCNL, come verificare che lo stipendio sia in regola


CCNL




Fra le fonti giuridiche che disciplinano e tutelano il lavoro ci sono la Costituzione e lo Statuto dei lavoratori ma anche il CCNL e i contratti individuali.

In particolare con il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) un datore di lavoro (o un gruppo di datori di lavoro) ed un’organizzazione o più di lavoratori stabiliscono le regole che disciplinano il rapporto di lavoro, come il trattamento minimo garantito e le condizioni di lavoro alle quali dovranno conformarsi i singoli contratti individuali stipulati sul territorio nazionale.

Infatti nel CCNL possiamo distinguere due parti:

  • quella normativa, che contiene le clausole che sono destinate ad avere efficacia nei singoli rapporti lavorativi (tabelle retributive, orari di lavoro, permessi, straordinario, ferie e così via)
  • quella obbligatoria, cioè quello che vincola a determinati comportamenti le associazioni dei lavoratori e datori di lavoro tra loro (ad esempio le cosiddette clausole di tregua sindacale)

Esistono CCNL per tutti i settori lavorativi:

  • Acconciatura, estetica
  • Alimentarti artigianato
  • Alimentari industria
  • Animatori turistici
  • Aziende artigiane settore pulizie e servizi
  • Call center
  • Commercio, terziario, servizi
  • Igiene ambientale
  • Impianti sportivi e attività sportive
  • Lavanderie e tintorie
  • Letturisti acqua, gas, luce
  • Metalmeccanico artigianato
  • Metalmeccanico industria
  • Moda industria
  • Moda artigianato
  • Multiservizi
  • Ortofrutticolo ed agrumari
  • Pesca e imprenditoria ittica
  • Piscine
  • Progettazione, lavorazione e rifinitura di interni, esterni, arredi e restauro
  • Turismo ristorazione alberghi
  • Trasporti
  • TV, radio e aziende broadcasting

Quindi il lavoratore che voglia verificare che il proprio stipendio sia in regola deve consultare il CCNL del proprio settore dove, nelle tabelle retributive, sono indicate tutte le voci che attengono alla retribuzione come:

  • la paga oraria e giornaliera e lo stipendio mensile (che variano in base alla tipologia di contratto di lavoro, full time, part time o apprendistato)
  • gli scatti di anzianità

Con questi dati sarà facile calcolare la retribuzione lorda in busta paga e di conseguenza verificare che lo stipendio sia in regola e corretto.






Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.