Colf, come assumerne una 


Colf




Per le faccende di casa o per assistere ad una persona non autosufficiente, le colf sono un prezioso aiuto. Per potersi avvalere di una colf, però, il datore di lavoro, deve mettere in regola il lavoratore. Ci sono diversi contratti dal contratto a tempo determinato a quelli a chiamata.

Vediamo allora come assumere una colf.

I documenti che la colf deve presentare al datore di lavoro per essere assunta sono:

  • documento d’identità
  • codice fiscale
  • documenti assicurativi e previdenziali
  • tessera sanitaria
  • documentazione sullo stato di salute
  • attestati professionali (se presenti)
  • permesso di soggiorno valido (nel caso di colf extracomunitaria)

A questo punto il datore di lavoro e la colf si accordano sulle condizioni contrattuali, vale a dire su orario, eventuale vitto e alloggio, giorno di riposo, ferie, retribuzione.

Nel contratto di assunzione della colf dovranno essere indicati questi elementi:




  • la data di inizio del rapporto di lavoro
  • la categoria in cui viene assunta la persona e la sua anzianità di servizio
  • la durata del periodo di prova
  • l’orario di lavoro
  • il giorno del riposo settimanale
  • la condizioni del vitto e dell’alloggio
  • la retribuzione oraria

Dunque, per quanto questa del contratto sia una cosa accessoria, è obbligatorio, invece, per il datore di lavoro, comunicare l’inizio del rapporto di lavoro all’INPS entro le ore 24 del giorno prima dell’inizio del rapporto di lavoro, anche se festivo o anche se si tratta del periodo di prova.

La comunicazione all’INPS può avvenire:

  • sul portale INPS accedendo con PIN, SPID, CNS, CIE seguendo il percorso servizi al cittadino – lavoro domestico – iscrizioni rapporto di lavoro
  • al numero verde 164 da rete fissa oppure al 06164164 da rete mobile
  • tramite intermediari (CAF, commercialisti, patronati)

Dopo l’iscrizione della colf, l’INPS apre una posizione assicurativa e invia al datore di lavoro gli avvisi di pagamento per il versamento dei contributi dovuti, in base alla paga oraria effettiva.

Il datore di lavoro può pagare i contributi online, ricevendo anche delle notifiche delle relative scadenze.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.