Gamer professionista, come si dichiarano le entrate


Gamer




Negli ultimi anni ha preso il sopravvento una nuova figura professionale che sta spopolando sul web: il gamer professionista. Si tratta di una persona che si occupa di giocare o testare i videogames, facendo pratica ed elaborando strategie e nuove tecniche di gioco per vincere nei tornei o nelle competizioni. Un nuovo modo di lavorare online anche molto remunerativo se si arrivano a livelli alti.

Quella del gamer è una professione a tutti gli effetti, per la quale i giocatori vengono remunerati.

Le principali fonti di guadagno di un gamer professionista sono:

  • i premi dai tornei e dalle competizioni
  • le collaborazioni e le sponsorizzazioni

Vediamo come si dichiarano le entrate

I redditi di un gamer professionista vengono assimilati ai redditi diversi o ai redditi di lavoro autonomo. Nel caso in cui l’attività del gamer sia occasionale e non abituale (ad esempio collegata alla partecipazione ad un torneo o una competizione), allora le entrate rientrano nei redditi diversi e in questo caso non è necessario aprire la Partita IVA.




Questi redditi vanno comunque dichiarati nella dichiarazione dei redditi come “redditi diversi”.

Nel caso in cui l’attività del gamer sia abituale, allora le entrate rientreranno nei redditi di lavoro autonomo ed è dunque obbligatorio aprire la Partita IVA.

I codici ATECO consigliati sono:

  • 82.99.99 – “Altri servizi alle imprese”, da scegliere se l’attività di gamer prevale rispetto a quella di sponsorizzazione e pubblicità online;
  • 73.11.02 – “Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari”, se invece prevale l’attività di sponsorizzazione e pubblicità online rispetto all’attività di gamer;
  • 12.00 – “Gestione portali web”, se l’attività di gamer prevale e viene perseguita su un proprio portale o su una piattaforma di terzi (come YouTube o Twitch)

Nel caso i redditi percepiti siano inferiori a 65 mila euro, il gamer professionista potrà optare per il regime forfettario.

Se i redditi percepiti sono superiori a 65 mila euro, invece, si dovrà scegliere il regime ordinario di Partita IVA.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.