Dog sitter, si può fare senza partita iva


Dog sitter




Per svolgere il lavoro da dog sitter occorrono:

  • amore per gli animali (e soprattutto per i cani)
  • buona forma fisica
  • flessibilità e disponibilità
  • amore per la natura e le attività all’aperto
  • capacità di risolvere eventuali problemi ed emergenze

Non occorre conseguire un titolo di studio, tuttavia è consigliabile frequentare dei corsi in cui apprendere le differenze fra le diverse razze di cani, le loro abitudini e come gestire le emergenze.

È importante anche informarsi su quanto concerne l’assicurazione dato che il dog sitter diventa responsabile delle azioni compiute dal cane quando è sotto la sua custodia.

Quanto invece alla Partita IVA, si può fare il dog sitter senza aprirla?

Come al solito vale il concetto dell’occasionalità o meno della prestazione. Se la prestazione da dog sitter è solo abituale, non sarà necessario aprire la Partita IVA.




Tuttavia, se si svolge il lavoro da dog sitter con carattere abituale e continuativo, sarà opportuno aprire la Partita IVA e diventare a tutti gli effetti un libero professionista che dichiara le proprie entrate in sede di dichiarazione dei redditi.

Anche nel caso in cui i propri guadagni superino la soglia dei 5000 euro, sarà opportuno aprire la Partita IVA, sia per le attività part time sia a tempo pieno.

Per aprire la Partita IVA sarà sufficiente inviare il modello AA9/12 all’Agenzia delle Entrate e scegliere il codice ATECO 96.09.04 (servizi di cura degli animali da compagnia, esclusi i servizi veterinari).

Quindi, scegliere il regime forfettario o semplificato.

In genere agli inizi dell’attività è preferibile scegliere il regime forfettario (che possono scegliere coloro che ottengono dei ricavi inferiori a 65 mila euro).

È un regime agevolato che offre i seguenti vantaggi fiscali:

  • esenzione dall’IVA nelle fatture emesse
  • esenzione dalla ritenuta d’acconto
  • esenzione dalle fatture elettroniche
  • pagamento di un’unica imposta (sostitutiva) con aliquota del 15% (in alcuni casi del 5%)
  • esenzione dagli ISA e dall’esterometro



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.