Infermiere a domicilio, serve la partita iva?


Infermiere




Un infermiere può lavorare in ospedale o in una clinica privata ma può anche svolgere la propria attività a domicilio.

Si occupa del paziente presso il suo domicilio

In questo caso si occupa del paziente presso il suo domicilio, utilizzando gli stessi strumenti che userebbe in ospedale.

Nel caso in cui l’attività dell’infermiere a domicilio fosse continuativa, si renderebbe necessaria l’apertura della Partita IVA.

Infatti, nel caso in cui le prestazioni svolte non avessero carattere abituale, ma fossero solo occasionali, si potrebbe optare per la prestazione di lavoro autonomo occasionale (massimo 30 giorni per anno solare per ciascun committente).




Tornando all’apertura della Partita IVA, questo è lo strumento che permette di lavorare come libero professionista.

Il codice ATECO

Il codice ATECO associato è 86.90.29 (Altre attività paramediche indipendenti nca).

Poi bisognerà scegliere il regime fiscale: quello ordinario o il forfettario, la soluzione migliore per i contribuenti che non superano i 65 mila euro di ricavi.

Si tratta di un regime agevolato con tassazione al 5% sul reddito imponibile per i primi 5 anni di attività e al 15% dal sesto anno.

Il reddito imponibile si ottiene sottraendo, dal fatturato annuo complessivo, una percentuale “forfettaria” per le spese inerenti al lavoro (nel caso dell’infermiere a domicilio è pari al 22%).

Altri vantaggi di questo regime sono l’esenzione dal pagamento dell’IVA, dalla fatturazione elettronica (si deve pagare, però, il bollo sulle fatture, se di importo superiore a 77,47 euro), da esterometro e studi di settore.

Oltre ai ricavi che non possono superare i 65 mila euro, i redditi da lavoro dipendente devono essere al massimo di 30 mila euro e le spese per dipendenti o collaboratori di massimo 20 mila euro.

In alternativa al regime fiscale forfettario si può optare per quello semplificato, che si rende obbligatorio per gli infermieri a domicilio che ottengano un volume di ricavi superiore a 65 mila euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.