Cassa integrazione, cosa fare se non arriva l’accredito


Cassa integrazione




La cassa integrazione è fra gli ammortizzatori sociali previsti dal nostro ordinamento, in questo periodo di coronavirus sono aumentati gli aiuti. Nello specifico la cassa integrazione si suddivide in:

  • Cassa integrazione (CIG), uno strumento di sostegno dei lavoratori quando l’azienda si trovi in situazioni di crisi finanziaria che non dipendano dalla direzione o dalla società, ma imputabili a cause o calamità naturali;
  • Cassa integrazione in deroga (CIGD), un intervento di integrazione salariale che può essere richiesto dalle imprese che non possano ricorrere agli strumenti ordinari, nei casi di eventi transitori non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori, situazioni temporanee di mercato, crisi aziendali o processi di riorganizzazione o ristrutturazione;
  • Cassa integrazione straordinaria (CIGS), una prestazione economica erogata per integrare o sostituire il reddito dei lavoratori dipendenti in aziende che si trovino in condizioni di crisi o in fase di ristrutturazione, riorganizzazione o riconversione.

Cassa integrazione e coronavirus

A causa dell’emergenza Coronavirus, il Governo ha esteso a più soggetti la possibilità di richiedere la Cassa integrazione e ha anche eliminato alcuni requisiti usualmente necessari per farlo. Molte aziende, a seguito delle misure imposte per limitare la possibilità di contagio, si sono viste costrette a chiudere e a mettere in Cassa integrazione molti lavoratori che, ora, aspettano l’arrivo del proprio accredito, fondamentale per poter vivere e andare avanti.

La data di pagamento presunta per il pagamento della Cassa integrazione richiesta nel periodo dell’emergenza Coronavirus, è stata stabilita al 30 aprile 2020 (il tempo di pagamento si allunga per i lavoratori in Cassa integrazione in deroga). Stando al presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, la causa nel ritardo degli accrediti è attribuibile all’intenso lavoro svolto per il pagamento del bonus da 600 euro.




Ad ogni modo, l’utente può verificare lo stato della propria domanda e i pagamenti, accedendo nell’area riservata del sito dell’INPS utilizzando il PIN e il codice fiscale e andando nella sezione “Prestazione” e “Pagamenti”. In generale (e non in questo periodo straordinario caratterizzato dall’epidemia), il primo pagamento della Cassa integrazione arriva entro circa tre mesi dalla data di presentazione della domanda.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.