Cassa integrazione, cosa fare se non arrivano i soldi 


Cassa




Moltissimi lavoratori, soprattutto quelli che sono fermi a causa dell’epidemia di Coronavirus, non hanno ancora ricevuto i soldi della cassa integrazione, essenziali per poter vivere dignitosamente in questo periodo così difficile.

Cosa si può fare se non arrivano i soldi della cassa integrazione?

La prima cosa che si può fare, insieme al datore di lavoro, è quella di chiedere un chiarimento all’INPS per verificare che nella compilazione del modulo SR41 non siano stati fatti errori.

Se nella domanda ci sono degli errori, è possibile presentare di nuovo la domanda di cassa integrazione, indipendentemente dal periodo di riferimento, entro 30 giorni dalla comunicazione da parte dell’ente.

Se invece non si sono commessi errori nella domanda, è possibile che i soldi della cassa integrazione non arrivino semplicemente perché c’è un ritardo, quindi bisognerà solo aspettare.




Chi lo desidera, può verificare lo stato della propria domanda e dei pagamenti, accedendo alla propria area riservata sul sito dell’INPS utilizzando il proprio SPID.

Sarà sufficiente andare nella sezione “Prestazione” e poi “Pagamenti”.

In alternativa, si possono contattare gli operatori degli uffici territoriali competenti oppure utilizzare la sezione “INPS risponde” in MyInps.

L’INPS, comunque, ha chiarito che ci vogliono fino a 10 settimane per la lavorazione completa delle domande.

Questo è il tempo necessario per verificare se i dati comunicati sono corretti e per conteggiare le ore effettive non lavorate da integrare ai lavoratori.

L’istituto ha però di recente promesso che nei prossimi mesi accelererà i tempi grazie ad una maggiore automazione dei controlli e alla velocizzazione dell’iter, in modo da erogare i pagamenti in meno tempo (probabilmente entro 40 giorni dalla presentazione della domanda).

I datori di lavoro potranno ad esempio, già da maggio 2021, presentare la domanda con meno moduli e seguire una procedura più veloce di trasmissione senza modello SR41.

L’auspicio è che entro il 31 marzo 2021 vengano erogati i soldi della cassa integrazione per i tanti lavoratori che stanno ancora aspettando.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.