Stilista, quale regime fiscale adottare       


Stilista




Lo stilista, per poter avviare la propria attività, deve iscriversi all’Albo Artigiani presso la Camera di Commercio: qualora infatti realizzi degli abiti e degli accessori con la sua attività artigianale, deve per forza iscriversi a questo albo e, proprio questa iscrizione, fa nascere l’obbligo del versamento dei contributi previdenziali (l’apertura della posizione previdenziale viene effettuata per il titolare, per i soci e per i collaboratori familiari che lavorano nell’impresa artigiana).

Per svolgere la sua attività

Per svolgere la sua attività, lo stilista deve anche scegliere il regime fiscale a cui assoggettarsi e, probabilmente, aprire la Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate.

Infatti, le alternative per uno stilista sono due:

  • lavorare con delle prestazioni occasionali (se non si superano i 5.000 euro di compensi annui);
  • aprire la Partita IVA.

Quest’ultimo caso risponde alle esigenze di chi:

  • voglia pubblicizzare la propria attività;
  • lavori più di una volta l’anno con lo stesso cliente;
  • lavori più di 30 giorni allo stesso progetto;
  • voglia far diventare la propria attività di stilista un vero e proprio lavoro.

Una volta deciso di aprire la Partita IVA, bisognerà scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate il modello AA9/12 che, una volta compilato, dovrà essere riconsegnato presso l’Agenzia.




In questa fase, è importante anche scegliere al meglio il Codice ATECO; i più utilizzati per questa professione sono:

  • 10.10 Attività di design di moda e design industriale;
  • 19.21 Attività dei disegnatori grafici di pagine web;
  • 10.29 Altre attività dei disegnatori grafici;
  • 10.30 Attività dei disegnatori tecnici;
  • 10.90 Altre attività di design.

Per questa scelta, è consigliabile il supporto di un Commercialista così come per la scelta del regime fiscale da adottare, in quanto si può scegliere fra:

  • il regime forfettario;
  • il regime ordinario o semplificato.

Il regime forfettario è l’ideale per tutti gli stilisti che fatturano fino a 30.000 euro all’annuo e garantisce, in linea di massima, un risparmio sulle tasse.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.